Passa ai contenuti principali

Bavarese alle Percoche (ma vale per ogni tipo di frutta ;)



           Non c'è niente da dire... uno dei dolci che, se comprato in pasticceria, ha un pessimo sapore, è la bavarese alla frutta: nient'altro che frutta frullata e panna. Oddio... mangiabilissimo... ma sciapito, inconsistente... E così, presa da un raptus malsano di desiderio di bavarese, me la sono fatta io :)))

         La ricetta è di Laura Ravaioli. Risale a una quindicina di anni fa, quando faceva lezioni di cucina sul Gambero Rosso e noi zelanti del vecchio forum de La Cucina Italiana, raccoglievamo tutto, sperando di diventare bravi cuochi :D





Bavarese alla frutta di Laura Ravaioli (Qui alle percoche)
500 g di frutta già mondata (va frullata e passata da un colino sottile)
200 g crema inglese (3 tuorli, 70 g zucchero, 200 ml latte, aroma vaniglia)
350 g meringa italiana (é quella che prevede la cottura dello zucchero. Io ho usato 5 albumidal peso di 160 ge il resto in zucchero)
450 ml di panna montata
12 g gelatina in fogli ammollata e fatta sciogliere in un pentolino con poca acqua
  • Si prepara ogni composto singolarmente
  • Si assembla il tutto (nella foto di sopra manca la panna montata)
  • Io non amo i dolci pannosi o al cucchiaio, quindi ho posto la bavarese su questa base croccante (ci stava molto bene!)





       Il dolce è riuscito bene, ma io confermo che non amo i dolci pannosi. A chi l'ha assaggiato è piaciuto, magari lo rifarò per loro.

N.B: La quantità della crema bavarese era eccessiva! Con queste dosi sono venuti 2 dolci, uno più piccolo messo in uno stampo da budino, quindi regolatevi!


Commenti

  1. anche io seguivo forum di cucina e ho anche imparato qualcosa, non sono diventato chef ma ho imparato qualcosa, una versione di cheese cake che mi segno

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo! Deve essere proprio buona.

    RispondiElimina
  3. fatto a casa ha un altro sapore, questo è certo !

    RispondiElimina
  4. Venerazione per la vecchia trasmissione (la rima m'e venuta da sè :) )

    RispondiElimina
  5. Golosa e decisamente ricca questa bella bavarese

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno