Passa ai contenuti principali

Mele Cotogne al forno squisitissime!




          Quanto è divertente girovagare sul blog di Stefano Arturi? Ebbene qualche giorno fa, in una delle mie incursioni, mi imbatto in questo post... Il nostro amico dice che vuole riscoprire il sapore puro delle cotogne, quindi le cuoce per poco tempo e con poco zucchero, ma fa riferimento a un altro metodo dove questo magnifico frutto andrebbe cotto per una notte intera fino a diventare color vinaccia!!!!

         Ovviamente io sono stata incuriosita da questo secondo metodo :D
Rispetto alle sue indicazioni ho proceduto diversamente, poichè io non ho un ristorante e non posso tenere il forno acceso durante la notte, quindi vi dico come ho fatto io





  • Ho preso 5 mele cotogne abbastanza grandi e le ho fatte cuocere per circa mezz'ora. Infilandoci uno stecco di legno erano piuttosto morbide
  • Le ho fatte intiepidire nella loro acqua e ho tagliato ogni frutto in 6 parti senza togliere il torsolo
  • Ho messo i pezzi in una teglia da forno capiente
  • Nell'acqua di cottura delle cotogne (era circa 1 litro e 500), ci ho aggiunto 1 kg di zucchero, ho portato a bollore







  • Ho versato lo sciroppo sulle mele cotogne. Ho messo la teglia sui fornelli in diagonale in modo da tener accesi 2 fuochi.
  • Ho fatto cuocere per circa un'ora roteando la teglia di tanto in tanto
  • Siccome era sera ho lasciato i frutti nello sciroppo e ho rimandato il lavoro al mattino
  • Al mattino ho fatto cuocere sul gas per un'altra ora circa, forse anche meno. Lo sciroppo era ridotto di parecchio e anche le mele cotogne avevano bisogno di una teglia più piccola





  • Come potete vedere dalla foto qui sopra, ho tolto una ad una le fette dallo sciroppo e le ho messe in una teglia più piccola, sono dorate, ma non ancora superbe ;)




  • Poi ci ho versato lo sciroppo e le ho messe in forno a 180° per 15 minuti, poi a 120°
  • Dopo un'ora di cottura le ho girate una ad una in modo da immergerle di nuovo nello sciroppo



  • Dopo 2 ore di forno erano del colore che vedete qui sopra!! La foto non rende l'idea perchè io faccio brutte foto :DD



      Col mascarpone... la morte loro..!!! Devo provarle con lo yogurt greco, però...





Si conservano in frigo per molto tempo. 




           Ho messo lo sciroppo di troppo, diventato gelatina, in un vasetto e la utilizzerò come uso di solito la gelatina appositamente preparata ;)

          Col freddo di questi giorni ci stanno benissimo!



Commenti

  1. Sei una grande! Anch'io avevo letto la ricetta di Stefano ma mi piangeva il cuore lasciare il forno acceso per tanto tempo. Ora tu mi fornisci la soluzione ad hoc. Bravissima. Che colore spettacolare!

    RispondiElimina
  2. le voglio anche io, mascarpone compreso :-))

    RispondiElimina
  3. ! pensate un po' che nella ricetta rinascimentale originale si dice proprio di procedere come fa giulia: prima di lessare le mele cotogne fino a che si possono tagliare facilmente e poi procedere alla loro cottura in forno per ore.
    per quanto riguarda i tempi lunghissimi in forno: anche qui in UK difficile capire veramente cosa costi l'energia elettrica per fare andare un forno, ma il mio gestore mi aveva assicurato con prezzi, che ora non ricordo, accettabili. comunque anche io in passato fatto a volte sul fornello, con spargifiamma di ghisa: diciamo che in forno ho maggiore controllo sulla temperatura. io ho giorni fa fatto anche una ottima gelatina con il succo, utilizzando colla di pesce. stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue indicazioni Stefano ;) Ehhh... ma io ho letto il tuo post su mangiarebene, ecco perché ho cotto prima le mele intere e poi a fette!

      Elimina
  4. Grazie per la bella ricetta,tra poco comincio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le rifaccio ora,sono ottime ,le rifaccio tra poco..ci viene anche una profumatissima gelatina!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno