Passa ai contenuti principali

Panettone di Alfonso Pepe





        Questo é un promemoria. Devo fare assolutamente questo panettone. Nel video gli ingredienti sono per panettone da 1 kg, sono spiegati molti trucchi e c'é la ricetta per la pasta di agrumi!


         Intanto oggi ho sfornato questi :)))




    Ora sono a testa in giù!


Commenti

  1. Ma... e spiegare un po' di più? Ci lasci con tanto di naso!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah... hai ragione Daniela! Diciamo che qui volevo segnalare solo la ricetta del maestro. I miei panettoni sono un'altra cosa, poi scrivo ;)

      Elimina
  2. Che brava che sei Giulia! Le tue creazioni sono fantastiche!
    E poi...che bella soddisfazione il panettone home made!
    Un bacio
    Rosa

    RispondiElimina
  3. io ho un timore reverenziale nell'affrontare il panettone, che non ho mai preparato peraltro. i tuoi sembrano ottimi. brava!!!

    RispondiElimina
  4. Applausi Giulia, è veramente una meraviglia!!!!

    RispondiElimina
  5. Bisogna farlo grazie del promemoria

    RispondiElimina
  6. ...!! aspettiamo ache foto interno! ... bel video.. certo visto così sembra fattibile.. io combattuto se farli quest'anno... dato che vorrei anche buttarmi su altre cose regionali: susumelle, pittenchiuse, strufoli, pani genovesi.... ho fatto un pangiallo lazione che non mi convince al cento per cento: per carità buono è buono, ma... e poi, lo confesso, da metà lombardo per me il panettone è quasi irraggiungibile nel mondo dei dolci. a quanto vanno ora in italia quelli super artigianali? io sono fermo ai 25 eruo al kg della pasticceria marchesi (di Milano, luogo sublime + ora anche in affari con Prada) anni fa,../ qui a Londra un panettone semi artigianale va sullle 15-20 sterline al kg. Ho trovato un panettone Vergani (altro marchio storico milanese, non artigianale ma industriale di qualità) a 15 sterline al kg... buono..
    + vabbè mi sa che vado a iniziare i rinfreschi del mio LM :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le foto dell'interno non ci sono, visto che gli ho regalati... però molto buoni, per fortuna!! almeno così hanno detto ;) Sono d'accordo con te sulle preparazioni regionali, anch'io le preferisco e ti confermo che il panettone artigianale costa intorno ai 25 euro, qui anche meno

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno