Passa ai contenuti principali

Pettole: variazione sul tema



           Davvero poche parole, oggi, per dirvi come, con i pochi ingredienti che vedete qui sopra, potrete dare una nota salentina alle solite e sempre gradite pettole pugliesi! Ehh... si.. perché i salentini ci aggiungono pomodoro, capperi e olive!




  • Preparate la solita pasta per pettole come potete leggere qui
  • Quando sará lievitata ( io la preparo la sera per il giorno dopo) aggiungeteci gli ingredienti di cui sopra ben tritati
  • A dire il vero avrei dovuto far perdere loro un po' d'acqua.. per fortuna non hanno rovinato la pasta



         Qui sopra potete vedere 2 impasti. Infatti, a una parte della pasta ho aggiunto l'ulteriore condimento, all'altra no

           Far riposare un pochetto e friggere a cucchiaiate!




Le ho servite con una salsa fatta facendo restringere un prelibato aceto di vino nero, addensato con poca fecola. Risultato moooolto soddisfacente, ma gusto fortissimo! Non replicherò, una goccia del distillato era giá troppa ;))))

Commenti

  1. credo che mi piacerebbero molto, adoro i sapori forti !

    RispondiElimina
  2. Ah, ecco.. è che dovevo rinfrescarmi le idee sulle pettole, visto che non sono un termine comune qui da noi. Niente niente male!

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo le pettole ma non dubito della loro bontà'. Ho diverse amiche pugliesi che preparano delle vere ghiottonerie attingendo alla loro cucina regionale. La mia amica Enza, per esempio, durante una nostra conviviale pre-natalizia, ha portato la sua celeberrima torta "sette sfoglie" e io mi ci sono tuffata. E' qualcosa di libidinoso, cosi' ricca di noci, frutta secca, cioccolato e ogni bendiddio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che io non ho mai mangiato la sette sfoglie? É di tradizione salentina, io abito tra Bari e Taranto con molte influenze materane, vedi semola di grano duro... ehh.. si, divertente girovagare su argomenti culinari ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno