Passa ai contenuti principali

Strudel di Mele




         Era un bel po' di tempo che non facevo lo strudel di mele... ne avevo proprio voglia! E poi ultimamente su fb gira un video di qualche pasticceria germanica che davveeo invoflia a mangiarlo! Per non parlare del fatto che mi piace moltissimo e che ho molte mele ottime da consumare... ergo, dovevo farlo per forza :)))




          Nonostante ci siano in giro alcune ricette per la pasta che vorrei provare, ho preferito andare sul sicuro e fare la ricetta che cominxiai a fare da ragazzina quando, dopo aver assaggiato questo dolce, mi resi conto che era meraviglioso e che andava peovato al più presto!

          La ricetta proviene da un inserto di famiglia cristiana di almeno 30 anni fa. Mia nonna era abbonata a quel giornale e io strappavo sempre le pagine dedicate alla cucina :)))




Strudel di Mele

Per la pasta
250 g farina
  1 uovo
1/2cucchiaio di zucchero
Pizzico di sale
 50 g burro fuso
Acqua necessaria
  • Impastare il tutto e far riposare. La pasta dev'essere molto morbida perché, una volta stesa, deve formare un velo. Io l'ho tenuta volutamente più dura perché non avevo voglia di lavorare troppo ;)
Ripieno
  1 kg di mele
100 g zucchero (ho usato zucchero integrale di canna)
Zeste di limone, cannella
 80 g uvetta ammollata e asciugata
 50 g pinoli, ho usato noci
2 cucchiai pan grattato
100 g burro
Brandy
  • Pelare le mele, tagliarle a fettine, cozpargerle con un po' di fecola e irrorarle col brandy
  • In una padella con noce di burro far imbiondire il pan grattato
  • Mescolare lo zucchero con le zeste e la cannella e tenere da parte
  • Stendere la pasta su di uncanovaccio il più possibile, pennellare col burro fuso e cospargere col pan grattato per metá
  • Posarvi le mele e tutti gli altri ingredienti e cominciare ad arrotolare


  • Mentre si arrotola continuare a pennellare col burro fuso



      Eccolo qui quasi completamente arrorolato!
  • Chiudere bene dai lati sempre aiutandosi col burro per sigillare
  • Imburrare una teglia da forno e posarvi dentro lo strudel servendosi del canovaccio
  • Pennellare ancora di burro e cuocere per circa un'ora a 180°
  • Far intiepidire e cospargere di zucchero a velo come si vede nella prima foto



        Con questa dose avrete un dolce enorme... si potrebbero farne 2 più piccoli, o fare mezza dose ;)

        Felice serata a tutti!

Commenti

  1. Lo strudel di mele è un dolce che soltanto ora sto iniziando ad apprezzare però non credo che lo farò. I dolci non fanno per me.

    RispondiElimina
  2. Noi hai idea del favore che mi hai fatto. Tra poco sarà il compleanno di mio genero e lui adora i dolci con le mele, specialmente lo strudel, che gli ho preparato solo una volta e che a me non aveva soddisfatto pienamente. Seguirò la tua ricetta e ti saprò dire. Grazie!
    PS credo metterò le mele renette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eugenia... con tutti i dolci alle mele che hai sul blog, mi caschi sullo strudel? Non ci posso credere! :))) le renette sono quelle consigliate, io uso delle mele locali

      Elimina
  3. ..io sto "studiando" lo strudel da un paio di mesi: ad oggi ne ho fatti circa 8 con risultati altalenanti ma penso di essere in dirittura d'arrivo quanto a una ricetta che mi soddisfi. Io ho provato pasta sia con uovo sia senza e preferisco quella senza uova, rimane più morbida, ancorchè un poì più difficle da stendere. sto cercando di capire quale sia la farina migliore quanto a contenuto di glutine: in mote ricette si raccomanda la farina per panficazione ma i risultati, con alcune, non mi hanno soddisfatto. ad oggi io fatto solo sturdel in cui le mele sono precedentemente cotte (ma non sfatte), ora voglio provare con mele crude, come te, lasciate a macerare per ore nello zucchero (per perdere umidità). Non è uno dei miei dolci del cuore ma mi piace farlo. ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, credo che con le mele crude sia più buono! Per una pasta senza uova ti consiglio di guardare sul blog di Daniela, il blog é gioco cucinando e lei é specializzata in cucina triestina. Aspetta che magari ti segnalo il link

      Elimina
  4. Allora... qui la ricetta di Daniela Ruli http://gioco-cucinando.blogspot.it/search/label/strudel
    Credo inoltre che sia più adatta la farina 00, ma anche con la 0 nessun problema visto che io una volta l'ho usata per una preparazione salata. Il segreto sta nel fare un impasto davveeo morbido e appiccicoso, poi col riposo si può gestire e stendere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo con uso farina 00, non troppo ricca di glutine. st

      Elimina
  5. ah grazie! visto. mi ci ritrovo. appena provo ripieno mele crude ti dico. s

    RispondiElimina
  6. Grazie del link, Giulia. Io ho davvero delle difficolta' a stendere la pasta cosi sottile, anche perché queste cose le faccio molto raramente, ma ci proverò. Ricordo la ricetta di Annamaria Romano, pure lei bravissima a fare strudel, e i suoi fotogrammi su Altrotempo. Ho poco tempo ormai per allenarmi, speriamo di non fare danni…
    PS ora vado a cercare la ricetta della tua torta di mele russa, che mi ha consigliato Stefano ;-)

    RispondiElimina
  7. Eugenia, non preoccuparti di stendere troppo sottile. Io faccio lo strudel sin da ragazzina e non sapevo niente di come dovese essere realmente.. stendevo finché potevo, era buono lo stesso ;)

    RispondiElimina
  8. ... ciao G.. allora: ho fatto uno strudel con mele crude e.... sai che rimango della mia idea: con le mele cotte, ma non spappolate ovviamente, anzi devono rimanere integre, a me piace di più, in qualche modo il sapore è più "meloso"... ora appena sfornato altro esperimento con una pasta diversa... vediamo... ciao, stefano
    ciao stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhh... buono a sapersi... io con le mele cotte non l'ho mai fatto, magari qualche volta ci provo ;) e comunque credo che dipenda molto dalle mele. Io non uso le classiche renette che rimangono scrocchiarelle, queste sono mele locali piuttosto dolci che cuociono bene.. a me piace..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno