Passa ai contenuti principali

Sfince siciliane


     Questa ricetta é la prova provata di come si possa fare un'ottima cucina con pochi, pochissimi ingredienti!!

      Le uniche sfince che avevo conosciuto, grazie alla rete e alle blogger siciliane, erano quelle ripiene di ricotta e fatte di pasta bignet... una vera goduria di cui potrete avere un'idea se cliccate qui :))).. ma si fanno a san Giuseppe, bisogna aspettare un po' per prepararle :)) Quelle di cui vi parlo oggi sono carnascialesche, scovate su un gruppo facebook e provate immantinente




     Riporto la ricetta così come l'ho copiata poi, qualche considerazione

Sfince di be ny
60 g licoli
500 g  di farina di grano duro
400 g acqua circa
1 cucchiaio zucchero
Buccia di arancia grattugiata 

olio per friggere q.b.

cannella q.b.
zucchero q.b.

  • In un contenitore dai bordi alti, inserite la farina e il lievito. Iniziate ad impastare, aggiungete acqua  fino a quando non otterrete un impasto morbido, senza grumi,quasi sul liquido,ma non troppo. Coprite la pentola con la pellicola.
  • Lasciate lievitare fino al raddoppio. Tutta la notte
  • Raggiunto il doppio del volume,  scaldate in un pentolino o in una padella dai bordi alti, l’olio e portate quasi ad ebollizione.
  • A questo punto, prelevate dal contenitore, un cucchino abbondante di impasto e versatelo delicatamente nell’olio. 
  • Attendete qualche minuto rigirate per far cuocere da entrambi i lati.Una volta dorate, togliete le sfincie dall’olio, fatele scolare in carta assorbente e mentre ancora calda, passatele in una ciotola con zucchero e cannella o zucchero e cacao




NOTE: in questa ricetta é previsto lievito liquido. Nulla vieta di usare lievito di birra o lievito madre solido, di accorciare o allungare i tempi di lievitazione...

Io ho usato una specie di lievito liquido, nel senso che lo tengo un po' più denso visto che mi sembra di riuscire a gestirlo meglio così. Ho impastato la sera e messo in frigo. Al mattino ho tirato fuori dal frigo e fritto per il pranzo

     Buon fine settimana a tutti!

Commenti

  1. esattamente come i loukoumades!!! :)solo che noi dopo la frittura li immergiamo nello sciroppo.
    slurp!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fatti anche quelli, ottimi! Impastati von yogurt, però..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno