Passa ai contenuti principali

Panbriacone casalingo



       Qualche anno fa le lodi del Panbriacone cominciarono ad essere decantate su internet. Lo produceva la ditta Bonci e, per chi non lo poteva assaggiare era un gran tormento. Poi questo magnifico dolce é arrivato anche in terronia e la sottoscritta ha potuto apprezzarne le qualitá. Ma quest'anno che succede? Ebbene, su uno dei tanti gruppi facebook la signora Gianna Faggioli proprone la ricetta casalinga di questo dolce squisito e io, ovviamente, l'ho provata!




       Vi dico subito che, rispetto alla ricetta che copierò qui sotto, ho apportato 2 modifiche:
  1. Ho usato una biga fatta con qualche grammo di lievito di birra anziché il lievito madre. Sto panificando poco e l'ho fatto fuori ;)
  2. Nella ricetta é scritto di preparare l'impasto e mettere subito nello stampo a lievitare tutta la notte, quindi infornare. Io ho preferito fare le 2 lievitazioni, quindi la pasta ha lievitato la notte e al mattino ho formato e messo nello stampo



Ed ora finalmente ecco a voi la ricetta

Panbriacone casalingo proposto da Gianna Faggioli (riporgo le sue parole, per le modifiche vedi sopra

Questa è la ricetta che più si avvicina a quella dei fratelli Bonci che rimane" segreta" .
Panbriacone
Ingredienti
350 g di manitoba
90 g di lievito madre
110 g di burro morbido
120 g di zucchero
200 g di latte intero
1 uovo e 2 tuorli
I semi di mezza stecca di vaniglia
80 g di uvetta
Mezzo bicchiere di passito
La scorza grattugiata di un limone
Un pizzico di sale
Procedimento
Mettere a bagno l' uvetta nel passito per 30 minuti.
Lavorare con una frusta lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e il burro morbido. Sciogliere il lievito nel latte tiepido e versarlo nel composto, aggiungere poi le uova, la farina setacciata e continuate a lavorare bene il tutto. Infine aggiungere la vaniglia, l' uvetta e il passito nel quale è stata ammorbidita, il sale e lavorare fino a far diventare elastico l' impasto,dopodiché metterlo in uno stampo da panettone o da plum cake e far lievitare circa 12 ore, fino al raggiungimento del bordo della teglia. Infornare in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 45 minuti.




Questo dolce é davvero squisito, mi é piaciuto moltissimo. Lo rifarò certamente ma lo bagnerò con uno sciroppo liquoroso, come effettivamente deve essere ;) Ovviamente vi terrò informati.

        Felice serata a tutti!

Commenti

  1. Mi attira molto. Ma, da brava "pelnellovo", il mezzo bicchiere di passito mi mette in difficoltà: ho scoperto che il volume di un bicchiere varia molto a seconda delle regioni: da 125 ml a 200 ml a 250 ml. ( Se in Romagna gli dai uno da 200 ml te lo tirano dietro...meno di 250 non si considera! ) E tu che bicchiere usi? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Daniela, le dosi a bicchieri non piacciono neanche a me. Io ho calcolato il bicchiere da 200 ml, quindi ho messo 100 ml di passito. Tanto il prossimo lo inzuppo :D :D

      Elimina
    2. Ok, grazie! ...qualcosa di tangibile vicino ad un " vino da meditazione "? :D

      Elimina
  2. Mi sa di buono e profumato! Mi segno la ricetta! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  3. Scusa, oggi ho voluto provare a fare il panbriacone, ora è in lievitazione ma l'impasto é molto liquido, deve essere così ? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci siamo scritte in privato, ma scrivo anche qui per dire ad altri lettori che ci vuole una manitoba forte ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno