Passa ai contenuti principali

Storia di un corpo di Daniel Pennac

          Daniel Pennac è famoso per aver creato la saga del signor Malaussène, di professione capro espiatorio. Quando mio fratello, forse più di 20 anni fa, portòa casa Il Paradiso degli orchi ci divertimmo tutti come matti!!! Ovviamente seguirono La Fata Carabina e La Prosivendolama al quarto libro della saga ero già annoiata e credo di non aver neanche finito di leggerlo.


     Così, di Pennac, non ho più letto nulla. Lui, ovviamente, ha pubblicato ancora, ma io non mi sono più interessata. A parte la fine dell'interesse per Malaussène, a un certo punto non mi ha interessata più Pennac, presumo perché volevo passare ad altro, a un altro stile. Poi l'anno scorso, a fine estate, Feltrinelli fa una promozione interessante (ne ho già parlato qui) e tra i libri che compro c'è anche la Storia di un corpo (2012) di Daniel Pennac.   Ho cominciato a leggerlo qualche giorno fa e fra 20 pagine lo finirò.

      Il libro mi è piaciuto subito! Vediamo di che parla
Un ragazzino di 12 anni vive con la dispotica madre, il fratello immaginario e la tata Violette. Inizia a scrivere il diario per combattere le sue paure, per capire il suo corpo. Così, attraverso gli scontri con la madre, l'affetto per Violette, la debolezza fisica.... cominceremo a conoscere quest'uomo di cui non sapremo mai il nome. Lo vedremo crescere e andare in guerra (la prima guerra mondiale), innamorarsi, creare una famiglia, fare carriera (ma non sapremo mai qual è il suo lavoro) e, a poco a poco, invecchiare. Il tutto descritto attraverso le sensazioni e i cambiamenti del suo corpo. La trovata narrativa è bellissima, lo stile goliardico e "da maschi" . Mi è capitato, infatti, di leggere commenti su questo libro fatti nei vari gruppi Fb e ho

notato che, in generale, alle donne non piace. Perché? Presumo perché in molti punti si parla proprio di funzioni corporali, per giunta spiegate da un uomo, con un'immediatezza tipicamente maschile :DDD Vi risparmio i particolari, DOVETE leggerlo! Detto questo bisogna aggiungere che, a uno stile goliardico e a tratti sboccato, se ne aggiunge uno poetico e struggente. Le sofferenze della vita, i dolori dell'anima e del corpo, la perdita delle persone care, la depressione.

        Molto toccante tutta l'ultima parte sulla vecchiaia, i primi malori seri, il decadimento del corpo, l'incapacità sessuale... la parola è ironica, lo stile drammatico. Credo che, chi dice di non aver apprezzato questo libro, lo faccia proprio perché ci sbatte in faccia la nostra caducità, la nostra pochezza.... Io l'ho trovato meraviglioso proprio per questo.

              Un caro saluto!

Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno