Passa ai contenuti principali

La torta al formaggio di Paola

      Vi sarete accorti che in questo periodo le foto sono più brutte del solito e i post arrabbattati 😎😎 Ehhh.... si, non ho molta voglia di scrivere, ma soprattutto di scattare foto (e questa non è una novità 😇). Il fatto è che, comunque, sto cucinando e mi 'spiacerebbe non documentare i miei lavori. E dunque, in attesa di scattare altre foto, per ora dovrete accontentarvi di questo post 😏

       Quella di oggi è una ricetta di Paola Lazzari, una delle due signore Ammodomio. Lei fa meraviglie in cucina e sul web è una garanzia di riuscita, una delle poche... ricordatelo, sono poche quelle brave 😜 La Torta o Pizza al formaggio è una preparazione pasquale tipica del centro Italia e, come al solito, ogni Regione, provincia, paese o famiglia ha la sua ricetta del cuore. Questa è della bisnonna di Paola e la trovate, dettagliatamente descritta, da queste parti. Vi consiglio caldamente di andare a leggere il Post di Paola perchè ci sono numerose informazioni storiche e perché la ricetta è scritta in maniera molto dettagliata. Io qui, sarò più sbrigativa 😈😇😅




Torta al Formaggio di Paola Lazzari
5 uova
300 g di farina 0 + 200 g di manitoba (io ho usato 500 g di farina 0)
100 ml di acqua
25-30 g di lievito di birra (ne ho usato 10 grammi)
1 cucchiaino di zucchero
1          "         di sale (assaggiare)
1          "         di pepe
5 cucchiai di olio evo (umbro)
50 g di strutto (No sostituti)
250 g di formaggio grattugiato misto ( SOLAMENTE Parmigiano Reggiano e Pecorino Romano in proporzione variabile secondo i propri gusti. Metà e metà forse è il giusto mezzo. Se piace più saporita aumentare la quantità di pecorino. Per questo il sale va dosato in base al tipo di formaggi)

  • Fare un lievitino col lievito di birra, l'acqua, lo zucchero e un po' di farina e far fermentare
  • Mettete in una ciotola capiente gli altri ingredienti e fare la solita fontana con al centro le uova e il lievitino
  • Io ho fatto lievitare in frigo
  • Al mattino ho fatto acclimatare l'impasto fuori dal frigo, messo nello stampo e fatto ulteriormente lievitare
  • Il mio forno era a 150° perchè è ventilato e 180° non vanno bene. Voi regolatevi
  • Non ricordo quanto ha cotto, ma penso 40-45', ho controllato con lo stecchino, quello lungo, però





        Questa torta è una squisitezza!!!! Fortemente pentita di non averla provata prima 😌

P.S: Scusate le tante emoticon, ma da quando le ho scoperte mi diverto un mondo ad inserirle 😂😂

       Buona serata a tutti!

Commenti

  1. Con le ricette di Paola si va sempre sul sicuro. È una ricetta sincera, proprio come lei, una rarità ormai!😉

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno