Passa ai contenuti principali

Laurino o Allorino :D

       A febbraio, la bravissima Maria ha postato la ricetta dell'allorino!!!

A vederlo così bello e colorato mi ha fatto venir la voglia di provarlo immantinente, anche perché è uno dei liquori che preferisco. Ha un potere digestivo micidiale e a fine pasto è sempre molto gradito.




Laurino
 25 foglie di alloro fresco
500 ml di alcool a 95°
400 ml di acqua
400 g di zucchero (io 300)
  • Mettere in infusione le foglie nell'alcool per 20 giorni e al buio
  • Trascorsi i 20 giorni preparare uno sciroppo con acqua e zucchero e far raffreddare
  • Filtrare l'alcool eliminando le foglie di alloro e unirlo allo sciroppo di zucchero
  • Far riposare altri 20 giorni e gustare
Note: ho usato meno zucchero perché l'alcool che avevo era a 90° e non volevo che il liquore risultasse dolce. Ho fatto bene perché in questo modo mi sembra perfetto 😄





       Maria dice giustamente di berlo freddo e infatti così è perfetto.
Io però voglio suggerirvi un altro modo per assaporarlo, soprattutto per le giornate invernali: diluito con acqua bollente!!! Così è altrettanto squisito e corroborante, vi riscalda il cuore! Dovete usare una parte circa di liquore e 3 di acqua bollente, ma fate a gusto 😉

       A me piace molto 😋


Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Schiacciata fiorentina di Pellegrino Artusi

La ricetta che vi propongo oggi è una delle mie preferite!!!

Se usate regolarmente il lievito madre, questo dolce vi permetterà di smaltirne una buona quantità in un colpo solo e di ottenere, allo stesso tempo, un dolce molto buono e delicato :))




    Vi anticipo subito, però, che non vi è concesso fare i furbi!!!
 Se andate a controllare la ricetta 596 dell'Artusi, quella da cui sono partita per questo dolce, vi accorgerete subito che ci vogliono 650 g di Lievito (quindi lievito madre rinfrescato o pasta da pane) a cui vanno aggiunti gli altri ingredienti (uova, burro, zucchero...) per ottenere il dolce. Ebbene, non vi fidate. Usare solo lievito madre, o avanzi vari non va bene, avrete una pasta acida, in alcuni casi poco, in altri un po' troppo.

         Consiglio quindi 2 soluzioni
Per chi non usa lievito madre va benissimo partire da pasta da pane fatta con lievito di birraOppure seguire le variazioni che ho apportato io ;)))

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno