Passa ai contenuti principali

La Prima Brioche


     Mi è semore piaciuto cucinare, osservare mia madre, cercare di ripetere quello che lei faceva e cercare di farlo da sola.  A circa 15 anni ho prodotto le mie prime crepes, chiusa in cucina, senza nessuno che mi consigliasse e intenta a non combinare pasticci 😀

       La passione per le brioches è arrivata subito dopo e con essa i primi mal riusciti esperimenti: non riuscivo a capire i tempi di lievitazione! Con questi panini ho iniziato a ingranare, ma dovevo ancora perfezionarmi.

 

La svolta ė arrivata tra i 20 e i 25 anni fa, quando frequentavo ancora l'Universitá e per distrarmi compravo giornali di cucina 😀😀. In un numero fantastico di Sale e Pepe c'era una lezione per preparare brioches, cornetti e girelle partendo da un impasto base! Ero entusiasta e cominciai ad applicarmi 😉

 


La svolta arrivò tra il 2002 e il 2003, quando mi iscrissi al forum de La cucina Italiana. La ricetta delle brioches di Elisabetta Cuomo era praticamente uguale a questa, ma lei spiegava così bene e io finalmente imparai 💖💖💖 Sempre grazie a lei e a Roberto Potito! Ricette molto simili a questa le trovate dappertutto e ognuno dice di averla inventata lui! Questa cosa mi fa molto ridere 😂😂😂, è semplicemente una ricetta di base, che viene bene e dæ soddisfazione, eccola!


Pasta Brioche
500 g farina 0
 2 uova
100 g zucchero
100 g burro
 20 g lievito di birra (anche 10 o 5, o 120 circa di lievito madre)
Latte necessario

  • Si tratta semplicemente di impastare e far lievitare. Meno lievito mettete e meglio è. Se la pasta lievita in frigo tanto di guadagnato!
  • Fate le forme che volete, fate lievitare e infornate
Nel pan brioche che vedete qui sopra ho sostituito metá quantitá di burro con olio di oliva ed eliminato un po'di zucchero per avere u  risultato più rustico.





Quelli qui sotto sono invece dei krapfen quadrati! Ehhh...si, non avevo di oirlare e arrotolare così ho steso un rettangolo e tagliato in 16 pezzi 😉



Buon Appetito e alla prossima!

Commenti

  1. sicuri sia così semplice? i lievitati importanti non sono il mio forte!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la citazione..La ricetta mi fu data da una cugina che lavorava in una pasticceria,ma non mi spiego' la ricetta passo passo..Mi disse solo che lei non era addetta alla lavorazione,ma solo che l'impasto doveva diventare essere lavorato parecchio.Dopo diversi insuccessi,mi applicai molto e capii meglio la consistenza della pasta..Col tempo ho usato la tecnica delle pieghe ottenendo una brioche perfetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al tuo lavoro ho imparato anch'io 😉 e poi a quei tempi nessuno ci svelava segreti, andavamo a tentativi e areivavamo a soluzioni soddisfacenti. Ora è tutto spiattellato e più chiaro, ma nin so se lo preferisco..

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno