Passa ai contenuti principali

Carote arrosto di Yotam Ottolenghi

Oggi vi propongo un'altra ricetta di questo chef fantasioso 😀 Mi piace perché la sua è una rivisitazione moderna di ricette mediorientali e perché la sua cucina é prevalentemente vegetariana: anche quando cucina carne, le verdure sono molto presenti!
   Per queste catote arrosto ci vorrebbero carote di diversi colori. Io non ne avevo e ho usato solo le comuni arancioni. Vi avverto che hanno un gusto particolare, dolciastro, che potrebbe non piacere, come é successo con mio figlio, quindi fatele se conkscete bene i vostri commensali 😉


Carote arrosto di Ottolenghi. Io ho fatto mezza dose

Mi sono attenuta al testo di Patrizia, cambiandolo dove ho apportato modifiche. Lei è stat molto chiara e la ringrazio 💖 Qui il suo post con foto bellissime e vari passaggi

1 kg di carote di diverso genere, viola, arancio, possibilmente novelle (io ho usato solo le arancioni)
50 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di melassa di melograno (non saprei dove trovarla e ho usato melassa normale)
1 cucchiaino di miele
4 generosi cucchiai di Olio extravergine 
mezzo cucchiaino di semi di cumino pestati
una manciata di prezzemolo tritato grossolanamente
sale in fiocchi
pepe nero macinato fresco


  • Sbucciate e private le carote della parte verde lasciando il picciolo. Lavatele sotto acqua corrente. (nb quelle viola macchiano moltissimo - siete avvisati)
  • In una ciotola versate la melassa, il miele, l'olio, i semi di cumino e sbattete bene con una forchetta fino ad ottenere una vinaigrette.
  • Mettete le carote in una teglia, cospargetele della salsa preparata e con le mani massaggiatele in modo che vengano cosparse completamente. 
  • Adesso salate e pepate generosamente, quindi distribuite i semi di sesamo sulle carote quindi infornate e cuocete per c.ca 30 minuti a 180 ° o fino a quando le carote non cominceranno ad essere dorate.
  • Una volta cotte, cospargetele di nocciole e prezzemolo e servite immediatamente
  • Commenti

    1. Mica male Ottolenghi, come valorizzare le carote, grande ricetta, la melassa di melograno la trovi nei negozi etnici mediorientale assomiglia un po' all'aceto balsamico caramellato

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Grazie per questa dritta Gunther, ma qui niente negozimediorientali 😯

        Elimina
    2. Non sapevo avessi un figlio XD
      Cooomunque, secondo me sono buonissime. Il medioriente dopotutto mi fa pensare sempre a qualcosa di dolciastro...^^

      Moz-

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Si Miki, figlio adolescente mannaggia a lui! La cucina mediorientale é squisita, concordo 😉

        Elimina
    3. Adoro Ottolenghi e tutto quello che prepara. Credo che sarebbe l'unico chef a cui mi affiderei a occhi chiusi :) Mi piace il suo modo di interpretare la cucina e il fatto che sappia creare dei nuovi sapori, da pochi, comuni, ingredienti. Queste carote me le sono preparate varie volte. Sono squisite :)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Sono abbastanza d'accordo Paola, ma non ti nego che alcune cose le trovo eccessive. Se poi preparo la versione di un piatto che di solito individuo in Claudia Roden, la preferisco 😉

        Elimina
    4. Già l'immagine fa venire l'acquolina in bocca.
      Grazie Giulia.

      RispondiElimina

    Posta un commento

    Post popolari in questo blog

    Pan Brioche di Laura Ravaioli

    Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




    Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
          Poi scrivo come procedo io ;))

    Pan Brioche di Laura Ravaioli
    400gr. di farina 00
    100gr. di farina Manitoba
    5 uova
    60gr. di zucchero
    10gr. di sale
    20gr. di lievito di birra
    25gr. di acqua
    250gr. di burro ammorbidito

    Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

    Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

    Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

    Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
             Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

    Riso, Carciofi e Patate al forno

    Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

    Riso patate e carciofi al Forno