Passa ai contenuti principali

Pollo con finocchi e clementine di Ottolenghi


Ultimamente non ho molta voglia di scrivere sul blog, come sempre in primavera, ma ho un bel po' di ricette da "salvare" e non voglio dimenticarmene 😉 Quella di oggi é un'altra ricetta di Yotam Ottolenghi che mi é piaciuta, ma non mi ha entisiasmata (poi dirò perché) che é anche molto scenografica da portare in tavola. Fatta e rifatta e stra-piaciuta a tutti sul gruppo fb dedicato allo chef, quindi andava provata 😀 

Qui ho messo a marinare il pollo

Riporto la ricetta con qualche modifica così come la ha scitta Dauliana Qui

1 pollo a pezzi di circa 1200 g. Io ho usato solo cosce e ho dimezzato le dosi
500g di finocchi
400g di clementine (ho usato arance del giardino di mia madre 😉)
100ml di Arak o Ouzo o Pernod (va bene la Sambuca che ha lo stesso saporw dell'ouzo)
4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
3 cucchiai di succo d’arancia
3 cucchiai di succo di limone
2 cucchiai di senape in grani
3 cucchiai di zucchero di canna chiaro
1 cucchiaio di timo
2,5 cucchiaini di semi di finocchio pestati
sale, pepe, prezzemolo
lavare e tagliare in 8 parti i finocchi,
lavare e tagliare a rondelle le clementine lasciando la buccia,
mescolare il liquore con l’olio, i succhi degli agrumi, la senape, lo zucchero, il timo, i semi di finocchio e 2 cucchiaini di sale,
aggiungere il pollo a pezzi, i finocchi e le clementine affettate, mescolare con le mani per distribuire bene il condimento e lasciare marinare in frigorifero qualche ora o tutta la notte,
Accendere il forno e portarlo a 200°c, disporre il tutto in una teglia che li contenga in un unico strato e cuocere per circa 40 minuti,
trasferire in un piatto di portata il pollo, i finocchi e le clementine, versare i succhi in un pentolino e farli ridurre di un terzo, distribuire la salsa sul pollo insieme a prezzemolo tritato

Pollo in teglia
 Bello vero?
Pollo cotto
 Qui é cotto e invitante

Nel piatto!
Il pollo é molto buono, da fare, é bello da vedere e farete un figurone! Molto piacevole addentare unfrutto e un po' di carne insieme 😀Però...
NOTE: io personalmente non amo molto la carne e in particolare le carni bianche, quindi non riesco proprio a dirvi che é meraviglioso come hanno fatto altre 😉 Inoltre a mio figlio non é piaciuto, quindi non lo rifarò di certo. Da non dimenticare che il sabato, giorno in cui ho preparato questo piatto, il nostro macellaio prepara un pollo arrosto squisito che io avrei abbinato a questa insalata perciò, mentre addentavo questo pollo, pensavo a quell'altro che forse avrei preferito, tenendo anche conto del prezzo decisamente minore e di ZERO fatica per prepararlo 😂😂
Mi direte che la cucina é un piacere, che bisogna divertirsi... bé, io non la penso così ergo, va bene questa ricetta, ma per me c'é di meglio 😉

Commenti

  1. Beh, io preferisco fettina di petto di pollo con salsa all'arancia XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Per me è una ricetta molto raffinata. Il pollo è sempre impegnativo.
    Ciao Giulia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno