Passa ai contenuti principali

Le ricette che non scriverò

Ci siamo, ė arrivato il caldo e la voglia di scrivere sul blog è davvero scarsa. Come ogni estate penso che, se anche scriverò, lo farò a proposito di temi che non hanno nulla a che fare con la cucina, magari vi farò l'oroscopo 😀😀 Vi lascio dunque qualche foto e indicazioni su dove andare a trovare le relative ricette, o qualcosa di simile a quello che ho fatto io 😉


I profiteroles che vedete qui sopra sono direttamente ispirati dalla bravissima Maria Letizia, quindi seguite la sua ricetta e non ve ne pentirete 😉


Per la torta qui sopra nessuna indicazione particolare, pan di spagna, crema, magari chantilly, bignet, caramello e un po' di fantasia...


E questi sono i soliti cookies. In rete ci sono molte ricette, davvero inutile aggiungerne un'altra solo per confondervi le idee 😂😂 visto come sono buona? 😉 Questi hanno farina di avena e noci, squisiti!


Ahhh.. si! Ricordatevi di distanziarli parecchio, altrimenti rischierete di avere un biscotto unico 😐😐😂😂
Per fortuna in altre occasioni sono venuti molto più belli, ma non c'é gusto nella perfezione...


Finisco questa carrellata con una prelibatezza preparata alla fine dell'estate scorsa, la marmellata di pomodori, ottima, squisita, sublime con i formaggi, anche quelli delicati come la mozzarella. Anche di questa, in rete, ci sono un'infinitá di ricette, quindi cercate e troverete, buon divertimento!


Sarebbe inutile, ma aggiungo anche che uno dei motivi per cui non scrivo volentieri le ricette e che non mi arriva un grazie da chi copia, neanche a pagarlo! E non mi riferisco agli utenti del web, quelli si sa, sono sconosciuti, copiano una ricetta e la replicano..No no! Ce l'ho con le amiche del paese, quelle che scoprono i pomodori secchi, o vengono colpite dalla granola... quelle che devo fare l'insalata di finocchi e arance, che buona! O che preparano il riso basmati con le spezie e tu si, lo faccio anch'io, é sul blog.... Ma io il tuo blog non lo leggo.... Perché il loro godimento é proprio quello, dire che non leggono il blog 😕😕😂😂 Ma credete che sono scema?! Ma pensate che me ne possa importare qualcosa se leggete il blog? Guardate che io scrivo per le mie amiche in rete, quelle che si divertono a cucinare e a condividere 😉

 

Per non parlare di chi fa da anni una torta alle nocciole glassate che non é su questo blog o propone un casatiello dieci giorni dopo la Pasqua, quando io avevo pubblicato 2 giorni prima, sempre dopo Pasqua 😐. Il top é stata la signora che su Instagram inserisce questi biscotti e alla domanda li hai presi dal blog? Risponde no, una ricetta di mia suocera... Il gusto é sempre quello, dire che sul blog non ci vengono 😂😂😂

E va bé... se vi sono sembrata pettegola sappiate che il vero motivo di questo scritto era ricordarvi qualche ricetta del blog per il resto... la cucina é così poco importante... rilassatevi 😉

Commenti

  1. Bah, la gente è davvero incomprensibile.
    Che gusto ci sarà, poi, a dire che non vengono sul blog... XD
    In ogni caso, magari puoi mettere delle ricette freschissime!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure venire a fare 4 chiacchiere sul tuo blog 😉

      Elimina
  2. Con questo tuo sistema minimale... mica hai cancellato vecchie ricette che avevi messo tempo fa? Cercavo la tua insalata con riso venere: non son stata capace di trovarla. L'avevo postata con il tuo link, secoli fa, ma non messa sul blog. Volevo rifarla e siccome non la ricordo per niente-- so che era ottima e bella--- sono andata a leggere le ricette. Nix..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Daniela, non ho cancellato 😉 ora te la cerco, era quella con le lenticchie, vero?

      Elimina
  3. Ecco il link, credo sia la seconda tra tutte https://giuliapignatelli.blogspot.com/search?q=Lenticchie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, sì era quella delle lenticchie col riso venere. Non sono stata capace di rintracciarla tra le tue ricette: hai cambiato e stai ancora cambiando troppe cose...

      Elimina
  4. Quelle recette fantastique, maintenant j'essaie de la cuisiner, merci beaucoup.

    RispondiElimina
  5. Tranquilla, almeno a te sono "signore" a me sono parenti. Che dire, lascia scorrere e divertiti; fino a che ci si diverte è bello poi basta. Ciao, è sempre un piacere leggerti. Stefania
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Stefania, io mi diverto, ma che noia... 😀

      Elimina
  6. Certa gente la si fatica proprio a comprendere... mah!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno