Passa ai contenuti principali

Dolce di ricotta e pasta di mandorle





Anche questo dolce viene dal meraviglioso libro di Leila Lindholm  Pane, dolci e biscotti.

Da qualche giorno è sempre sul tavolo della cucina e ogni tanto provo qualcosa.

D'altronde, si sa, ognuno ha i suoi gusti in cucina e i miei si avvicinano tantissimo a quelli proposti dall'autrice. Le preparazioni troppo complicate non mi sono mai piaciute, soprattutto per quanto riguarda i dolci e, se posso avere un ottimo prodotto in poco tempo.. tanto meglio!!!

Vi consiglio caldamente di provare questo dolce perchè è davvero molto buono e delicato.

Pensate un po', la Lindholm la chiama torta della nonna, ma di certo non è la crostata che tutti conosciamo ripiena di crema! Però io rispetterò la sua dicitura



Torta della nonna di Leila Lindholm o meglio, dolce di ricotta e pasta di mandorle

300 gr di pasta di mandorle
150 gr di burro
   6 uova
250 gr di ricotta
scorza di arancia e limone e 1 cucchiaino estratto di mandorle
25 gr farina
pinoli, zucchero a velo




Vi dico subito come ho proceduto io
  • Mettere nel mixer 160 gr di mandorle spellate e 140 gr di zucchero e preparare il marzapane
  • Sempre nel mixer aggiungere il burro, quindi le uova, la ricotta, la farina e gli aromi
  • Dalla foto potete vedere la consistenza dell'impasto finito
  • Foderare una teglia da 24 cm di carta forno (dopo averla imburrata) e versarci il composto
  • Cospargere di pinoli la superficie
  • Cuocere a 160° per circa 50'. Regolarsi col proprio forno
Non avevo i pinoli e non li ho messi, ma avrei potuto benissimo usare le mandorle tritate. Pigrizia...



come potete vedere la torta si è un po' scurita perchè l'ho lasciata in forno ad asciugare.
Niente che non si possa risolvere con una bella spolverata di zucchero a velo!!!

Uno dei dolci più buoni in assoluto!


Ve lo consiglio, si fa in un niente.

Commenti

  1. Giulia, è da tanto che faccio il filo a questa tua torta...ma tu per pasta di mandorle intendi la farina di mandorle o quella che si compra in panetti?
    Ciao e grazie
    cinzia

    RispondiElimina
  2. Come non detto, non avevo visto la preparazione, mi ero bloccata subito all'ingrdiente pasta di mandorle, ok! La fai tu. Ciao e grazie!
    cinzia

    RispondiElimina
  3. Cinzia mi hai fatto morire dal ridere!! Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  5. Dev'essere deliziosa davvero, la metto tra i 300 mila "da fare"...ma in cima alla lista!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno