Passa ai contenuti principali

Marmellata e gelatina di Mele Cotogne

Anche questa ricetta viene dal vecchio blog.
Mi sbrigo a ripubblicarla perchè è ancora tempo di cotogne e queste due ricette potrebbero essere utili a qualcuno. Una felice serata a tutti!



Marmellata di mele cotogne
1 kg di mele cotogne
600 gr zucchero
succo di limone

  • Affettare le mele e metterle in pentola.
  • Coprirle d'acqua e cuocere finchè diventano piuttosto tenere.
  • Passarle al passaverdure e rimetterle a cuocere sul fuoco con lo zucchero e il limone.
  • La marmellata è pronta quando sarà diventata come quella che vedete in foto : )

Gelatina di cotogne
  • Usate i torsoli delle mele cotogne usate per la marmellata. Teneteli con un po' di polpa
  • Metterli in pentola e ricoprirli d'acqua. Far cuocere per parecchio tempo. Non devono solo intenerirsi, ma anche cedere il più possibile delle loro proprietà all'acqua che li annega.
  • Quando l'acqua sarà diventata rosea e profumata, scolare la frutta da un passino bello stretto. L'acqua che ne risulterà dovrà essere il più limpida possibile. 
  • A questo punto pari peso di acqua e zucchero, cioè
1 litro di acqua di cottura delle cotogne
1 kg di zucchero

Mettere in pentola e cuocere a fiamma alta. Come per tutte le marmellata vale la prova del cucchiaino, cioè, prendendo un po' di liquido e facendolo raffreddare su di un piattino, potrete vedere se il prodotto sarà pronto. Tenete conto che con la gelatina dovete stare piuttosto attenti, perchè rimane liquida finchè è calda, ci vuole più attenzione. Ora guardate questa foto



Ecco, io mi accorgo che la gelatina è pronta quando, rimestando con un cucchiaio nel liquido in ebollizione, fa tutte queste bolle! Non le grandi bolle, tipiche di una eccessiva evaporazione dell'acqua, ma queste più piccole, quando acqua e zucchero sono perfettamente amalgamate.

Invasare bollenti sia la marmellata che la gelatina e conservare. Buon appetito

Commenti

  1. Ciao, grazie della visita.....ti seguo sul nuovo blog!!!
    A presto.

    RispondiElimina
  2. Ohhh entrambe sono buonissime ma la gelatina deve essere super favolosa!!!! Baci

    RispondiElimina
  3. Ciao Giulia come stai? Da quanto tempo... bellissima questa ricetta, sei bravissima!
    Un bacio.
    Antonella.

    RispondiElimina
  4. Buona....Buona.....questa marmellata la conosco bene!!!!! Che bello leggerti di nuovo!!!! A quando i lievitati?

    RispondiElimina
  5. Non amo molto le cotogne, poi passo da te e mi ricredo...mi mancavano le tue ricette! Baci Baci♥

    RispondiElimina
  6. ben tornate a tutte!!! Memmea!!!!! I lievitati a tra poco, ma per ora quelli vecchi, il tempo di organizzarmi ;))

    RispondiElimina
  7. Buonissime le mele cotogne.. ma sai che qui non le trovo facilmente???
    Devo provare a cercare con più attenzione!

    RispondiElimina
  8. aiuto!! sto facendo ora la marmellata. ..ma quando rimetto la frutta passata nel passaverdure...la rimetto nella sua acqua..o l'acqua va eliminata???!! speriamo che mi risponda prima di finire hihihi!!!;)

    RispondiElimina
  9. Anonimo spero che sia andato tutto bene!! Comunque si, le cotogne, per la marmellata, vanno passate con tutta la loro acqua

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno