Passa ai contenuti principali

Syllabub..... 2 versioni




Qualche mese fa ho comprato il libro English Pudding di Stefano Arturi. Sulle prime sono rimasta un po' delusa: un libretto piuttosto piccolo e senza neanche una foto!!! In realtà, a furia di leggerlo, sono rimasta molto colpita... le ricette sono belle e particolari e, soprattutto, sono raccontate. Dalle basi, alle creme, ai gelati, ai pudding veri e propri, alle charlotte.. scoprirete un mondo fatato in cui si ripercorre la storia d'Inghilterra (bè no, non esageriamo ;))) attraverso i dolci!!! Ogni ricetta ha una storia, aneddoti legati ad essa ed è un piacere sfogliare quel libro.



In estate avevo abbandonato quel libello insieme alla mia voglia di cucinare finchè, in una giornata di navigazione forsennata tra i blog, mi sono imbattuta proprio nel blog di Stefano Arturi e mi sono riavvicinata alla sua cucina. Ho ripreso il libretto fra le mani e ho deciso di cominciare a provare. E cosa meglio di un syllabub? dolce semplicissimo altre volte provato e mai gradito? Ma questa volta l'ho gradito... ohhh si che l'ho gradito...!!!!

Syllabub di Stefano Arturi  1a versione
120 ml di vino bianco profumato (io chardonnay)
2 cucchiai di brandy
70 gr di zucchero
succo di 1/2 limone
buccia di 1/2 limone e 1/2 arancia
1 rametto di rosmarino
una grattatina di noce moscata o cannella
300 ml di panna fresca


Mettere tutti gli ingredienti, tranne la panna, in una coppa o tazza, coprire e lasciar riposare in frigo per 24h



Trascorse le 24h filtrare il liquido e aggiungere, montando con una frusta, la panna. Continuare a montare finchè la panna sarà bella solida.




Visto che meraviglia?
Mettere nelle coppette e far riposare ancora in frigo prima di servire.
Insieme ci andrebbero dei biscotti alle mandorle.. io avevo solo madeleines...




Stefano Arturi scrive nel suo libro che, diversi anni fa, la presenza di alcool in questa preparazione era maggiore e, anzichè avere un prodotto denso e cremoso, si otteneva una specie di beverone (termine mio) in cui la parte grassa si separava dal liquido in una sorta di mangia e bevi da delirio (termine ancora mio). Ho cercato di riprodurre anche questo prodotto facendo di testa mia


Syllabub 2a versione
100 ml di panna
100 ml di parti alcooliche così divise
  • 80 ml di vino dolce
  • 20 ml tra brandy e succo di limone
Ho omesso gli aromi perchè era solo una prova e ho fatto al volo

Ho versato direttamente i liquidi nel barattolo della panna e agitato per un po', quindi in frigo. Ogni tanto andavo ad agitare nuovamente per ottenere la crema.

Questo il risultato. Buonissimo!!!




Devo dire che questa versione, per molti aspetti, è anche più intrigante: si beve come un cocktail ed è gradevolissimo e fresco essendo più liquido. Almeno in questi giorni di "ancora" grande caldo lo trovo più piacevole. La versione precedente mi sembra un vero toccasana per le giornate di freddo invernale.



Ho usato questo vino.
Un buonissimo chardonnay pugliese biologico.
Buona domenica a tutti!!

Commenti

  1. Ma bentornata!!! :-)
    Il syllabub lo adoro, lo realizzo con una ricetta di Nigella...ora proverò anche la tua versione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per l'accoglienza stefania!!!
      La ricetta di Nigella è forse quella con l'amaretto?

      Elimina
  2. Ciao Giulia!!! Che gran golosità!!!!
    Felice serata e un bacio grande!!!! :)

    RispondiElimina
  3. Che buono, sicuramente in entrambe le versioni, mi tenta molto...buona settimana...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno