Passa ai contenuti principali

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pellicola e lo mettete in frigorifero per 24 ore. Il giorno dopo lo riprendete lo lavorate un attimo e poi lo dividete in 4 o 6 parti uguali e con la mano formerete delle palline, che io ho messo tutte vicine in uno stampo da plum cake precedentemente unto e infarinato.La Ravaioli le ha messe in uno stampo a corona (quello con il buco in mezzo). Lasciar lievitare mezzora o finché non avrà raddoppiato di volume e poi infornarlo a 180°C per 45min./1ora.




Scusate le foto pessime!!! Ma è colpa della macchina fotografica... Non ne vuol sapere di mettere a fuoco :D

Ora vi scrivo le mie piccole modifiche
  • Uso 500 gr di farina 0
  • Metto un po' meno sale
  • Uso molto meno lievito di birra, da 12 gr in giù o meglio, lievito madre o pasta di riporto, 130 grammi.
  • In questo caso, prima di mettere l'impasto in frigo, tengo a temperatura ambiente per un paio d'ore



Eccolo ancora in forno....

        Il riposo in frigo vi permette di ottenere un risultato perfetto, nel senso che, se anche non dovesse essere perfettamente incordato dopo aver impastato, la permanenza al fresco proseguirà il lavoro... Una specie di antesignano del no knead bred o brioche


Un'altra foto...




Ancora buone vacanze a tutti!!!

Commenti

  1. Il cappello do questo panbrioche e` fantastico.....il mio bimbo piccolo adora questo pane a colzione.....provero` a farlo!
    francesca

    RispondiElimina
  2. Grazie Giuilia, non speravo la mettessi cosi' presto! Non vedo l 'ora di provarlo. Io avrei fatto le identiche modifiche, soprattutto per quanto riguarda il lievito. Grazie ancora, e buon fine anno, una bacione
    Ilaria

    RispondiElimina
  3. il pnabrioches da' sempre grandi soddisfazioni ma questo senza impastatrice lo vedo un po' difficile

    RispondiElimina
  4. Che buono il panbrioches, questo parla attraverso il video! Sembra fatto di nuvola!!!
    (grazie per essere passata da me, ho aggiunto il profilo ZERO! ;) )

    Tanti baciiii

    RispondiElimina
  5. Grazie per averlo postato....devo provarlo il tuo ha un aspetto molto invitante

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che spettacolo!!!!!!!
    Giulia cara, prendo immediatamente la ricetta!!!!!
    Mille baci e felice serata!!!! :)

    RispondiElimina
  7. E' proprio bello e sicuramente anche buono! I dolci semplici, intendo non elaborati e non abbondanti di ingredienti, ma ben soffici, sono i miei preferiti. Grazie!

    RispondiElimina
  8. بسم الله الرحمن الرحيم نحن فى شركة الكمال نقوم بجميع خدمات نقل العفش والاساس بافض الطرق تحت اشراف فريق كبير مدرب على اعلى مستوى من المستويات مع الفك والتركيب
    شركة نقل اثاث بالطائف
    شركة نقل اثاث بجازان
    شركة نقل اثاث بحائل
    والسلامة عليكم ورحمة الله وبركاته

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno