Passa ai contenuti principali

Qualche bontà del Cenone di ieri sera!!!

A dire il vero non amo molto il Cenone della Vigilia di Natale e, tutto sommato, a casa mia non c'è tanto spreco come altrove!
      Però l'abbondanza c'è e la compagnia è allegra... e quella è la cosa più importante ;D
Avendo una mamma napoletana, non possono mancare i fritti.. baccalà, pesce vario.. cavoli, lampascioni, carciofi!!! ( A dire il vero la frittura l'abolirei..). Poi rape stufate, pettole, salumi e altre amenità :))))

Di tutte queste bontà non ho foto, perchè eravamo a tavola e non ho pensato certo alle foto!
      Ma, poco prima di dare inizio alle danze, ho fatto qualche foto delle cose più sfiziose e dei dolci.

Ecco le foto, nei prossimi giorni le ricette

Cartellate in primo piano!


Struffoli!!! Non possono mancare, fanno allegria!

Chiffeletti e bon bon al cioccolato!!

Il pan brioche di Laura Ravaioli... 


Il panettone con lievito di birra di Paoletta... Stre-pi-to-so!!!

Ci vediamo nei prossimi giorni con le ricette!!!!

Vi auguro ancora un Felice Natale!!!!

Commenti

  1. e io invece, pensa un po', fotografo tutto! auguri

    RispondiElimina
  2. Carissima Giulia, davvero un menù mooolto napoletano, con gli struffoli a chiudere in bellezza :)
    Auguri anche per i prossimi giorni!

    RispondiElimina
  3. Artemisia... lo so che fotografi tutto... e mi piace!!!! Auguri ancora!!

    grazie Cinzia, anche a te, tanti auguri!!!









    RispondiElimina
  4. Artemisia... lo so che fotografi tutto... e mi piace!!!! Auguri ancora!!

    grazie Cinzia, anche a te, tanti auguri!!!









    RispondiElimina
  5. O_O mamma mia quante meraviglie!!!!!!!!!!!grande Giulia!!

    RispondiElimina
  6. Che bel cenone che sarà stato!! Auguri!

    RispondiElimina
  7. ciao Giulia, vedo un sacco di bontà sulla tua tavola. Le feste non sono finite e quindi ti faccio TANTI AUGURIIII!!!!

    RispondiElimina
  8. Le lunette le conosco e le faccio sempre perche' sono buonissime, aspetto la ricetta del pan brioche della Ravaioli
    Ciao e buone feste
    ilaria

    RispondiElimina
  9. Fede Sabina, Annamaria... grazie!!

    Ilaria, obbedisco e pubblico la ricetta del pan brioche ;)

    RispondiElimina
  10. Tutto bellissimo Giulia!! Complienti!
    Non ho mi fatto nè il panbrioche di Laura Ravaioli nè gli struffoli: devo rimediare! Baci!

    RispondiElimina
  11. Mamma mia quante bontà!!! Anch'io mi sono cimentata nel panettone di Paoletta e Adriano...davvero stre-pi-to-so!!!

    RispondiElimina
  12. Love this pan de Brioche cara, Im following you!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno