Passa ai contenuti principali

La notte di Ognissanti





Ultimamente non si fa che parlare di halloween. Niente da dire, ormai fa quasi parte dei nostri usi e, più i bambini imitano i loro coetanei americani, più quest'abitudine entra nelle nostre case.





A me non dispiace, ma non mi va neanche di dimenticare le nostre vere tradizioni.





Dalle mie parti si usava Lasciare la tavola imbandita, la sera di ognissanti, prima di andarsi a coricare. Si pensava che le anime, di ritorno sulla terra la notte dedicata ai defunti, si fermassero nelle loro case per rifocillarsi.



Su questa tavola i fichi secchi sono d'obbligo: Pare che rappresentino le anime dei morti. Non ho mai capito perchè, ma credo che sia per l'usanza che noi abbiamo di riempire i fichi con una mandorla... che diventa, credo, l'anima del frutto.



Sulla tavola imbandita non deve mancare quello con cui si è cenato, pane e companatico. In questo caso pane, formaggio, tonno, carciofini...





E poi c'era frutta secca (noci, mandorle, castagne...) e frutta fresca di stagione.





.. mele, mandarini e melograni...





Spero che i miei avi siano stati soddisfatti e abbiano placato il loro tormento eterno, almeno per una notte...

Commenti

  1. Brava Giulia condivido pienamente con te, non dimentichiamo le nostre tradizioni.

    RispondiElimina
  2. Ohhhh !!!! Non sai quanto mi è mancato questo post ;-)
    Grazie cara, serene ore ...

    RispondiElimina
  3. Bellissima usanza Giulia.
    Grazie per avercela ricordata. Un abbraccio Leo

    RispondiElimina
  4. E' sempre bello ricordare queste nostre tradizioni antiche, tra l'altro in comune con altri popoli. Buona serata

    RispondiElimina
  5. Sono passata per un saluto...attirata dalla notte di Ognissanti e per una volta, non di Halloween.
    Baci cara Giulia
    Ilaria

    RispondiElimina
  6. hai scritto una bella cosa Giulia...

    RispondiElimina
  7. Brava Giulia, mi è piaciuto molto! :)

    RispondiElimina
  8. Sembra che le tradizioni le abbiano solo gli americani. Sbagliato, abbiamo tradizioni antichissime, peccato dimenticarle a favore di altre a noi estranee. Bel post. Viva le nostre tradizioni che ci ricordano ciò che siano stati e ciò che ancora siamo. Baci

    RispondiElimina
  9. Que hermosa tradicion Me gusta aprender tradiciones de otros paises

    RispondiElimina
  10. Io festeggerei tutto sempre e comunque eheheheh :-)

    RispondiElimina
  11. Bellissimo recuperare le tradizioni culturali e secondo me è altrettanto bello adottarne di nuove. Purtroppo di Halloween è ritornato indietro unicamente il lato consumistico e non quello tradizionale e reale.
    Grazie Giulia per aver condiviso questa tradizione, io non la conoscevo.
    Sì la mandorla rappresenta l'anima, il pensiero.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Un post molto interessante .Hai fatto bene a ricordare le nostre tradizioni. Brava Giulia.
    Ciao , buona serata

    RispondiElimina
  13. Non hai detto però quali sono le "tue parti"! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Marco, perchė chi mi segue su questo blog lo sa 😀 Siamo in Puglia 😉

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Un vizio e un bel film

Amo i piccoli piaceri della vita e devo dire che era da tanto che non mi fodevo un buon tè coi biscotti.. Di quelliin bustina, per niente da intenditori, con una bella fetta di limone che non si mette eh?.. No no! Il tè si beve senza limone 😀😀 Bello caldo, anzi bollente, che appena lo mandi giù ti ustiona prima la lingua e poi la gola!! 😈😈 Lo so non é piacevole! É per questo che avevo a portata di mano un'ottima grappa fredda, per spegnere gli incendi causati dalla bevanda bollente 😇😇 Ehh... si... perché la grappa, o qualsiasi altro distillato, col te ci sta proprio bene 😉

E questo é il vizio


Il bel film, invece, é La Cuoca del Presidente, ispirato alla vita della vera cuoca del presidente Mitterand, al suo servizio per circa 2 anni. Non c'é da dire molto su questo film, solo che é piacevole, bello, garbato ed elegante e tra un dialogo e l'alteo vi gusterete i piatti della cucina tradizionale francese 😀 In questi giorni su Rai Play... Cin Cin!

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API