Passa ai contenuti principali

Gugelhupf di Sua Maestà

        Eccomi qui, sono anch'io al primo post dell'anno ;)) 
A dire il vero non scrivo da circa un mese, ma non credo se ne sia sentita la mancanza visto che in ogni blog o socialnetwork fiorivano panettoni e si materializzavano biscotti natalizi :))

         Comunque sia, sono stata malata per un bel po' prima di natale e durante le feste ho avuto una debolezza cronica... Per fortuna c'era l'albero di natale a farmi compagnia, insieme al divano e alla tv, per non parlare del tablet su cui girovagavo in continuazioni caricando e scaricando App.

          Come potete dunque immaginare, nel periodo natalizio non ho cucinato per niente, (altro che food blogger!) e me la sono goduta a fare l'ospite!!!! Non che abbia festeggiato chissà quanto, ma non ci possiamo lamentare;)



           Però, almeno per il giorno di Natale, avrei voluto preparare qualcosa e siccome avevo adocchiato questo magnifico dolce nel blog di Daniela Ruli, mi sono decisa a impastare!! Vi consiglio di andare da lei per apprezzarlo in tutta la sua bellezza, perchè io ho avuto degli intoppi che mi hanno fatta un po' pasticciare pensando che il dolce sarebbe venuto male, invece è di un buono... ma di un buono...!!! 

          Provare per credere!!!!

Copio direttamente la ricetta così come l'ha scritta Daniela sul suo blog... la malattia è passata ma la fiacca no, così approfitto del suo magnifico lavoro e vi rimando a lei per ulteriori spiegazioni ;)
           



Gugelhupf di Sua Maestà  (la ricetta originale prevede il doppio degli ingredienti)
75 g burro
6 gialli d'uovo
125 g farina 00
15 g lievito di birra sciolto in poco latte tiepido ( circa 20 ml )
40 - 50 g zucchero ( ho usato 40 )

     Procedimento

Portare a crema il burro morbido, aggiungere un giallo, mescolare, incorporare un cucchiaio di farina già mescolata con lo zucchero, poi di nuovo un giallo, mescolare bene, poi farina ...e via così fino a completare l'aggiunta delle uova e della farina con lo zucchero. Quindi mescolare ancora bene il tutto con il lievito sbattendo il composto. Preparare lo stampo unto di burro e infarinato, mettere sul fondo alcune mandorle pelate, e versarvi l'impasto. Dovrebbe riempirlo al massimo a metà.



Lasciar lievitare fino al raddoppio e mettere in forno a 170° per circa 40 - 45 minuti, con un'accortezza: lasciare lo sportello del forno aperto di poco ( inserite un cucchiaio di legno ) per i primi 15 minuti. Ciò permette una bella ulteriore lievitazione nel forno.

Sformatelo su una gratella e quando è freddo cospargetelo di zucchero a velo vanigliato.



N. B: ho diminuito di molto la dose di lievito, ne ho messo un pezzettino e ci é voluta tutta una notte per la lievitazione

P.S: Questo dolce è davvero molto buono, delicato e profumato. Inoltre, come già anche il gugelhupf di Pellegrino Artusi, non segue le procedure solite dei lievitati moderni (prima fra tutte l'usanza di mettere il burro alla fine dell'impasto) e questo lo rende diverso e con le sue specifiche caratteristiche.

     Passate una bella serata!!! e alla prossima!!

Commenti

  1. un gran bello e buono inizio d'anno

    RispondiElimina
  2. Assolutamente da provare. Buon Anno Giulia! E buona rimessa in forma, ma a quanto vedo già lo sei :-)

    RispondiElimina
  3. goloso,buonissimo per la colazione di domani e iniziare così una settimana alla grande,felice sera

    RispondiElimina
  4. Ciao Giulia, un dolce meraviglioso per iniziare il 2015 con dolcezza!
    Bravissima!!!
    Un abbraccio e tanti auguri di buon anno, che sia un 2015 meraviglioso!
    Laura:-):-):-)

    RispondiElimina
  5. Buono! L'ho mangiato anni fa e non lo si dimentica. Devo provare a farlo con le farine senza glutine; chissà se riesco a combinare qualcosa. La focaccia mi è riuscita bene quindi sono speranzosa. Mi mancano tutte queste preparazioni, quindi perché non provare e se un pasticcio deve essere, lo posso sempre definire una prova :)
    Se ti può consolare l'influenza mi ha tagliato le gambe e non solo, penso con angoscia a tutto quello che mi tocca nei prossimi giorni, per ora sono ancora esentata, ma presepe e albero continuano a ricordami che ci sono ancora. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero che l'influenza sia passata stefania! un abbraccio

      Elimina
  6. Sono molto più che soddisfatta che ti sia venuto così bene . Non è
    proprio uno dei più semplici, ma è davvero" regale ". Complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo devo rifare perchè voglio che venga bello come il tuo!!!

      Elimina
  7. E' bello anche fare l'ospite, lo sono stata pure io in queste feste e anche la mia cucina è rimasta parecchio chiusa :)
    Molto bello questo dolce e immagino la bontà. Non l'ho mai preparato, mi segno la ricetta.
    Un bacio e buon anno-

    RispondiElimina
  8. MA COMPLIMENTI E' UNA VERA MERAVIGLIA , MI PIACE MOLTISSIMO ...........UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  9. Ciao, Giulia. Spero che l'anno vecchio si sia portato via tutti i malanni e che quello nuovo ti porti tante belle (e buone) cose. Magnifico questo dolce, mi fa pensare ad una sofficita' senza pari. Sei sempre un portento con i lievitati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, troppo gentile.. si , questo dolce è davvero buono ;)

      Elimina
  10. WOW; deve essere davvero buonissimo, brava Giulia!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  11. Non mangio molti dolci , ma penso che qualche volta mangiarli fa bene ma che siano dolci .. sei bravissima !! un caro saluto Elena

    RispondiElimina
  12. Giulia, il tuo dolce è una meraviglia! Mi vien voglia di prendere una fetta! Sei molto brava!
    Un bacio
    A presto, Rosa

    RispondiElimina
  13. grazie a tutte, davvero troppo gentili ;))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno