Passa ai contenuti principali

Nadalin


         Sfogliando Gli Aristopiatti, il bel libro di Lydia e Giovanna, mi sono imbattuta nella ricetta del Nadalin, dolce tipico natalizio progenitore del pandoro. La ricetta è di Roberto Potito e la trovate qui.

       Rispetto al pandoro, é più che altro un pan dolce, buono e profumato assolutamente da provare!
Io l'ho provato diversi anni fa e pubblicato nel vecchio blog. Ora ve lo ripropongo in quella versione in cui sostituii il lievito di birra col lievito madre, ma mi riprometto di provarlo nella versione originale di Roberto che vi consiglio di andare a leggere ;) Per ora gustatevi questo assaggio e non fate caso alle cose scritte (ad esempio al fatto che scrivo il giorno di capodanno, cosa che non è).. il post è vecchio e ho voluto lasciarlo intatto ;)))




Non pensavo di pubblicare un post proprio il giorno di Capodanno, dopo aver fatto notte e gozzovigliato! Non che in programma avessi chissà quali progetti... ma un giorno di pausa me lo sarei preso!

Invece il mio piccolo mostro si è ammalato e così il 31 dicembre è stata una giornata come tante e, come in tante altre giornata, ho pasticciato un po'. Essendo questo un dolce tipico delle feste natalizie, mi appresto a pubblicarlo, altrimenti nessuno avrà più voglia di sentirne parlare ;)

La ricetta è di Roberto Potito e questo dolce è ottimo e profumato. La mia unica variante è che ho usato il lievito madre.




Nadalin
500 g farina bianca 00
50 g farina di mandorle
150 g zucchero
4 uova di normale grandezza
60 g anice
150 g lievito madre
5 g zucchero vanigliato
5 g sale
170 g burro
40 gr pinoli
zucchero a velo per decorare

Ho messo tutto nell'impastatrice, tranne il burro, finchè l'impasto ha preso forma e alla fine ho aggiunto il burro. Per i pinoli dovrete aspettare. Messo a lievitare tutta la notte e ancora la pasta non era cresciuta, lo stesso fino al primo pomeriggio. Sotto si vedevano bolle e segni di fermentazione, ma l'impasto non aveva lievitato più di tanto. Siccome Roberto già aveva scritto che è normale che sia così, non mi sono preoccupata. Ho messo nello stampo a stella, tenuto in forno tiepido per un'oretta, cosparso di pinoli (pochi, purtroppo) e acceso a 170° . Il dolce in forno ha più che raddoppiato!!!


Questo dolce è molto buono e profumato e l'aroma delle mandorle lega benissimo con quello dell'anice. Io ho usato Sambuca. Come si può vedere dalle foto è un dolce piuttosto compatto, ma davvero gradevole! Certo, forse non proprio adatto per un fine pasto ;)))
Ancora grazie a Roberto e alle sue meraviglie! Se avete dubbi vi conviene passare da lui e leggere le sue spiegazioni molto più dettagliate delle mie.


Altra novità!! Oggi mi sono buttata a inserire foto extra large! Abbiate pietà, Un momento di narcisismo ;) ancora tanti auguri a tutti e alla prossima!!!!!

Commenti

  1. Che bella torta, o va chiamata in altro modo? Comunque la si debba classificare ha un aspetto decisamente allettante. Sono alle prese anche io con il pandoro e non senza difficoltà, il senza glutine mi sta creando alcuni problemi.Qui in casa mi consolano dicendo che di Natali ce ne sono ogni anno e tempo ce n'è.
    Se riesco a venirne fuori, provo anche questo. Grazie
    Ciao
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
  2. ho fatto un pensiero sul libro, anche perchè conosco le due autrici (web conoscenza) e le stimo.
    poi ho pensato alla mia libreria stracolma e mal volentieri ci ho rinunciato ma con Natale vicino mi sa che ci ripenso.
    perchè questo dolce lo vedo bene inzuppato in un qualche vino o liquore???? :)

    RispondiElimina
  3. Quando vedo questi bei lievitati, mi piacerebbe tanto prima o poi cimentarmi con il lievito madre, questo dolce sembra davvero soffice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero geillis, é un ottimo dolce, anche se quello in foto venne un po'compatto e si vede ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno