Passa ai contenuti principali

Water

         L'altra sera ho visto questo film  bellissimo e struggente.Siamo in India, nel 1938, e la piccola Civia (questa la pronuncia, non so come si scriva), a soli 8 anni resta vedova e viene rinchiusa in un ashram insieme ad altre vedove di tutte le età e condizioni, giovani, anziane, pazze....
        Il film racconta la vita dentro e fuori la casa delle vedove, i dolori, lo strazio, gli amori, la fede.
I temi di riflessione sono molti, a partire dal restare vedova a 8 anni, ma a me viene in mente un discorso più generale

        Ci troviamo per l'ennesima volta di fronte alla mortificazione del corpo femminile e della femminilità. Le vedove sono impure e non possono toccare alcuno.

       Nel corso dei secoli e dei millenni la femminilità, il potere seducente delle donne, è stato svilito  e umiliato. Pensavo a come la capacità di far perder la testa , di allontanare l'uomo dalla ragione, sia stata mortificata e intrappolata nella donna per bene.






          Via libera, invece, alla seduzione, nel corpo di prostitute e intrattenitrici. Anche quello un mondo chiuso, la necessità maschile di intrappolare quello che non riesce a controllare. Un modo, per l'uomo, di dominare le sue emozioni attraverso il controllo della donna e del suo essere.

         E pensavo, infine, a quanto, col tempo, le cose non siano mica tanto migliorate!
Onorati padri di famiglia che, appena mettono i figli a letto, corrono dall'amante di turno, quella che gli dà sicurezza, quella che è arrivata dall'Est e che, bisognosa di tutto, si fa serva per la casa e per il cibo che le è stato procurato. Quella che incarna la femminilità negata a tua moglie, bella e accondiscendente perchè ha solo da guadagnare.

         La situazione sembra la stessa, ma è cambiata la prospettiva: le serve di oggi lo diventano volontariamente, il potere è nelle loro mani perchè hanno bisogno e bisogna aiutarle. Da reiette a regine. Anni e anni di lotte per elevare la dignità della donna, buttati al vento da chi questa dignità non la vuole perchè scomoda, e da ometti che hanno bisogno di serve per sentirsi grandi.

         Ecco, pensavo a questo mentre guardavo il film.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Veneziana?

Ho trovato questa bella ricetta su you tube e ho voluto subito provarla! Fatta circa 2 settimane fa, molto buona, più facile di altri grandi lievitati che hanno un impasto poco gestibile. Ho apportato delle piccole varianti, usando miele al posto dello zucchero e lievito madre, ma resta molto simile all'originale di cui aggiungerò il link a fine post. ora, la mia versione ;)




Veneziana La sera 1°impasto 220 g farina forte (io farina 0)  60 g miele  50 ml acqua  3 tuorli 150 g lievito liquido  60 g burro É un impast semplice, unica accortezza, aggiungere il burro alla fineSe usate pasta madre solida aumentate l'acqua a 90, 100 mlAl posto del lievito madre potete usare una biga fatta nel pomeriggio con lievito di birra

La Colomba mono impasto di Paoletta

Breve post oggi, solo qualche foto, per farvi vedere questa Colomba preparata l'anno scorso.



      La ricetta è di Paoletta diAnice e Cannella, ma non la trovate sul suo blog




      Questa ricetta è infatti stata pubblicata sul gruppo facebook di Paoletta l'anno scorso e ha avuto un grande successo, così come il panettonemono impasto