Passa ai contenuti principali

Un impasto per vari usi

        Qualche giorno fa mi è venuta voglia di panzerotti al forno e stavo per preparare un impasto molto buono, ma semi/dolce, con semola, burro e latte. Poi ho pensato che, per soli 6 panzerotti, non era il caso di preparare una pasta che, avanzandomi, non avrei saputo come usare, perciò ho deciso di produrne una dalla consistenza soffice ma più rustica e versatile. Eh già, perchè avevo già deciso di farci anche il pane, quindi burro e uova non ci stavano bene




Ecco cosa è venuto fuori


Impasto per vari usi
500 g semola rimacinata
500 g farina 0
100 ml olio d'oliva (anche meno)
700 ml acqua
Sale, poco zucchero
10 g lievito di birra (ma anche 5 o lievito madre)

Ore 8.00
  • Setacciare le farine in una ciotola capiente, cospargere di sale, mescolare, fare la fontana e mettervi al centro il lievito, l'olio e 500 ml di acqua
  • Cominciare a impastare partendo sal centro e aggiungere l'acqua necessaria. In questo caso ci sono voluti in tutto 700 ml
  • Avendo messo parecchio lievito ho fatto lievitare in frigo e infatti per le 12.00 la pasta era pronta. Ricordiamo che, nonostante sia inverno, fa piuttosto caldo




      Dunque a mezzogiorno ho preso dall'impasto totale 6 palline e ci ho fatto i panzerotti come vedete nella foto sopra: ripieno con mozzarella asciutta e poco sugo di pomodoro semplice




      Qui sopra li vedete chiusi e in teglia cosparsa di farina. Sui panzerotti altro sugo per mantenerli morbidi e un filo d'olio. In forno a 180° per 15/20', ma regolatevi dal colore




       Qui sono pronti! Sono venuti piuttosto bene, bellocci e buoni.

Per la sera ho usato altro impasto e ci ho fatto una focaccia ripiena con sughetto, fontina e salame piccante. Ci stanno bene anche olive e funghi, ma il figliuolo non gradisce ;) 
       Questa focaccia ripiena non è documentata, non ho avuto il tempo e il pensiero di farlo, ero di fretta.




       Con l'impasto restante ci ho fatto una bella pagnotta il mattino dopo. Ho tirato fuori dal frigo, lasciato per una mezz'ora a temperatura ambiente, fatta qualche piega e messo a lievitare in uno scolapasta con canovaccio infarinato. Per avere un'idea più precisa, guardate qui, ho proceduto allo stesso modo





         Cottura per un'ora a 180°, gli ultimi 15 minuti a 200° e anche più. 
         Il risultato di tutte le preparazioni mi è piaciuto molto, da rifare! Buona giornata!





Commenti

  1. buono tutto,passane qualcuno di quei calzoncini golosi,ma anche una bella fette di pane,quest'impasto versatile fa comodo,grazie

    RispondiElimina
  2. Tanti risultati con una sola impastata.... mica male l'idea! °_*

    RispondiElimina
  3. Favolosi...cosa mi sono persa!
    Un bacione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno