Passa ai contenuti principali

Idromele..... davvero la bevanda degli Dei!!


          Fra ottobre e novembre 2014 questa casa sembrava una distilleria!!!!

Fra aceto di mele di primo e secondo tipo, sidro non documentato (perchè mal riuscito), moscerini, umido e mosche.. mi sono cimentata anche nella preparazione della bevanda degli dei!!!

        Amo il miele! Figuriamoci se non lo trasformavo in un distillato :D

All'epoca mi documentai abbastanza bene, studiai, trovai video su you tube, ma alla fine la ricetta era quasi sempre la stessa. In un caso specifico c'era l'aggiunta di alcool nel distillato, ma io ho preferito non seguire quel procedimento, volevo la purezza del prodotto!




        Vi dico dunque come ho proceduto e vi rimando a questa pagina per un'interessante sequenza fotografica

Idromele
2 kg di miele millefiori
5 litri di acqua
1 cucchiaino di lievito di birra
succo di 2 limoni (facoltativo)

  • Mettere l'acqua in una pentola piuttosto grande e portare a bollore sul fuoco
  • Aggiungere il miele e far bollire per altri 10' circa
  • Togliere dal fuoco e far intiepidire
  • Versare in un boccaccio o bottiglione capiente e aggiungere il lievito di birra eventualmente sciolto in poca acqua
  • Se lo mettete, completare ora col succo di limone
  • Coprire con una garza e far riposare diverse settimane




  •  Allora... io all'epoca usai 600 g di miele e l'acqua in proporzione
  • Non avevo un contenitore capiente e usai due boccacci da salsa
  • Li coprii con diversi fogli di tovaglioli di carta e legai il tutto con un elastico (come si vede nella foto sotto)




Da notare la schiuma data dalla fermentazione!!!

          Or dunque, a questo proposito le indicazioni erano diverse in base ai siti consultati!
Chi consigliava poche settimane di attesa, chi diversi mesi... Vi dico solo che, dopo 6 mesi, l'idromele sembrava ancora uno sciroppo e fermentava. Potevo imbottigliare e far continuare la fermentazione in bottiglia, ma non ho voluto rischiare, così ho tenuto a riposo per un anno intero!!!




        Come si legge dall'etichetta sulla bottiglia, ho travasato a settembre 2015! Bevuto a Natale...
Dire squisito è poco! Davvero una prelibatezza!! Magnifico il colore paglierino. Fatelo!





        Ripeto! Per indicazioni maggiori sul procedimento guardate questo sito, ma se cercate su google troverete moltissime altre indicazioni. Buona serata!


Commenti

  1. Je n'ai encore jamais fait d'idromel. Ca doit être délicieux.
    A bientôt

    RispondiElimina
  2. Lo adoro!!! Grazie per la ricetta! Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Lo faceva mia nonna nonsai quanto ho cercato una ricetta sicura, grazie di averla condivisa!
    baci e buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
  4. ma che brava l'hai fatto a casa, dicono che sia la "bevanda degli amanti" :-)), dicerie però mette di buon umore, mi vergogno l'ho sempre comprato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E perchė ti vergogni? Va bene comprare se è buono.. qui al sud non l'ho mai visto..

      Elimina
  5. Il trionfo è di chi scopre a fondo i segreti di un prodotto eccezionale. Scopri anche tu il miele millefiori. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NTgyNzc0NSwwMTAwMDAxMixtaWVsZS1taWxsZWZpb3JpLTFrZy5odG1sLDIwMTYwNzExLG9r

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno