lunedì 19 settembre 2016

Vincotto di Fichi


         La cottura dei fichi che avrebbe portato al vincotto è uno dei ricordi più vividi che ho dell'infanzia. Finita l'estate, questo meraviglioso frutto cominciava ad appassire sugli alberi, a cadere in terra... non era più adatto per essere mangiato ma non veniva di certa sprecato. Se ne facevano meravigliosi fichi secchi ripieni di mandorle o un nettare dolce e profumato che avrebbe ricoperto, in inverno, le tipiche cartellate o la neve bianca e candida che cadeva di rado nel nostro caldo paese.





        Per fortuna c'é ancora chi, in campagna, produce questo nettare profumato e quindi, ogni anno, ne faccio scorta.

        Quest'anno ha piovuto molto e gli ultimi fichi che ho comprato erano belli fuori e strani dentro. Erano circa 3 kg e l'istinto mi ha detto di tuffarli in pentola!




Vincotto
  • Mettere i fichi in una pentola capiente e far bollire per una mezz'ora. Schiacciarli mentre cuociono
  • Far raffreddare un pochetto la poltiglia e strizzarla passandola da un telo di cotone



  • Ne ricaverete un liquido opaco che farete cuocere finché si ridurrá di parecchio




Eccolo qui... nero, bellissimo.. ma decisamente poco :)))))



3 commenti:

  1. Molto interessante, sai che non lo conoscevo?

    RispondiElimina
  2. che invidia, ne solo immagino il sapore beh di rimane poco ma si concentra il sapore

    RispondiElimina
  3. Che buono il vincotto di fichi! E che profumo!!!
    Baci cara Giulia! ;)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...