Passa ai contenuti principali

Insalata di arance

     Quando eravamo ragazzini, abitavamo in campagna e avevamo abbastanza arance, mia madre, ogni tanto, affettava le arance e le condiva con olio, sale e pepe. Devo dire che mi piaceva abbastanza, ma giá allora capivo che c'era qualcosa che non quadrava 😀. Ho capito di cosa si trattava quando ho visto la versione pubblicata da Maria Letizia, più ricca di elementi e squisita. Fatela! Sulla tavola di Natale ci stará benissimo!



  • Prendete 2 arance e pulitele il più possibile della parte bianca. Tagliate a rondelle molto sottili e poi in 2
  • Mondate mezzo finocchio e tenete da parte le foglioline verdi. Anche lui a fettine sottili
  • Affettate sottilmente anche una parte di foglia di sedano, quelle interne, bianche e tenere
  • Condite arance, finocchi e sedano con olio, sale, pepe, un po'di capperi, olive verdi e nere (io solo verdi), filetti di acciughe, peperoncino, pepe rosa (non lo avevo) e le foglioline di finocchio, fanno colore 😀 Ci ho messo anche pochissimo aceto di vino nero, profumatissimo!



In questi giorni, fatta giá 2 o 3 volte. Nella foto sopra sulla tavola del pranzo di S. Nicola con pettole, salmone, pecorino, mozzarelle e qualche salsa di accompagnamento 😉 Mancano le rape lesse...

           Felice giornata!

Commenti

  1. Ottima, mi piace molto questa insalatina!!!

    RispondiElimina
  2. molto ricca. da provare. io la faccio spesso come tua mamma, in più ci metto dei cipollotti.
    irene

    RispondiElimina
  3. Devo dire che è proprio un ottima versione di insalata di arance

    RispondiElimina
  4. Ricetta particolare davvero, e molto invitante :)

    RispondiElimina
  5. Sempre fatta solo con arance , finocchi e olive. Vuol dire che aggiungerò il resto!!!

    RispondiElimina
  6. Giulia, ma sai che solo oggi seguo ufficialmente il tuo blog? Prima non mi appariva!
    E mi accogli con una insalata che AMO e che mamma mi fa sempre: arancia, finocchio, sale e pepe *___*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di vederti anche qui Miki! 😀

      Elimina
    2. Ma com'è che non mi usciva il tuo blog, finora?

      Moz-

      Elimina
    3. Miki non so che dirti.. tu dici che non vedevi il blog cliccando sul profilo? Comunque ci vedevamo sull'altro blog, brek letterario, 😉

      Elimina
    4. Sì, lo so, ma questo non mi appariva.
      Così come, ad esempio, non mi appare il tuo post Ghost Academy... che il blogroll mi segnala come nuovo! :o

      Moz-

      Elimina
    5. Ho capito.. comunque ghost academy non lo vedi perché sto spostando di qua i post dell'altro blog e li sto inserendo con la stessa data che avevano lì. Per questo avevo sbagliato e lasciato la data corrente, poi l'homessa retroattiva quindi é posizionato a marzo 😀😀 lo so sembra un pasticcio ma non lo é 😯😯😉

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno