Passa ai contenuti principali

Api

Ma davvero non si può far niente per la moría delle api?
Io ne trovo di agonizzanti ogni giorno sulla mia veranda 😢😢

Mi vengono in mente tutte le scemenze di cui normalmente parlano i giornali, a partire dalle imminenti elezioni. Mi viene in mente il sindaco del mio paese che, appena eletto, ha fatto abbattere molti alberi nel paese per motivi non meglio precisati..


Il potere, l'estetica, l'economia, l'arte, la cucina... direi che possono essere solo dei passatempi rispetto a una cosa piū importante che é il rispetto della natura quindi, della vita
💖💔💖💔💖💔💖💔💖💔

MORIA DELLE API

Commenti

  1. Non conosco il fenomeno: perché muoiono? Freddo?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si capisce bene Miki, se keggi su google ci sono tante ipotesi. Il problema é che se le api spariscono non c'é più impollinazione, quindi morte delle piante e brutta fine anche per noi 😯 così é semplicistico a dirsi, ma é un problema molto serio

      Elimina
    2. Beh, ci sono comunque altri insetti a fare questo lavoro. Il che però non vuol dire che quello delle api non sia un problema di cui non preoccuparsi, anche solo per una questione di biodiversità.

      Elimina
  2. Malattia? Anche i miei nipoti, in Austria, avevano tre alveari. Mi avevano pure portato il loro ottimo miele, tutti soddisfatti. E poi... tutte morte. E non si può dare la colpa a pesticidi o simili perché loro abitano esattamente al confine col bosco viennese, da cui sono separati semplicemente da una rete, a circa 30 km da Vienna. Aria ottima e ambiente sano. Senza api per noi sarebbe un disastro! Infatti il mio primo pensiero, quando vedo i miei alberi da frutta in fiore, è di controllare se girano le api!!!

    RispondiElimina
  3. Era un'ingiustizia che i giganteschi dinosauri fossero morti e le insignificanti api svolazzassero e cacare miele negli alveari.
    Giulia, è una battuta. Mi perdoni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ti perdono! Metti in evidenza come le cose appaiano sempre differenti da quelle che sono 😉se sei grande e grosso, non vuol dire che sei più utile..

      Elimina
  4. Ma perché muoiono? Qui da noi ancora nessun'ape si è mostrata ma c'è da dire che fa ancora tanto freddo...comunque che angoscia, mi ricorda una puntata di Black Mirror questa storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che il motivo principale siano le varie "onde" di telefonini e tecnologia varia. Destabilizzano i loro "radar" naturali. Comunque in rete ci sono molte informazioni. Da distinguere quelle serie da quelle poco attendibili

      Elimina
  5. Spiacenti. La pagina del blog che cerchi non esiste.
    Ma sono in regola i feed nel tuo blog.
    No trovo: iscriviti al post atom.
    Baci.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno