Passa ai contenuti principali

Peperoni alla Partenopea

Per qualche giorno scomparirò dalla rete, mi prendo una vacanza mentale.. 😊 quindi non pensate che sia una maleducata se non rispondo a eventuali vostri commenti 😉 Voglio però lasciarvi una ricetta molto gustosa per l'estate a base di peperoni!


Intanto vi faccio vedere uno dei miei tipici pranzi estivi minimal: cetrioli, patate novelle e, appunto, i peperoni di cui sopra. Amo mangiare così e, per chi fosse interessato, sottolineo che é un'alimentazione vegana 😉


I peperoni sono una ricetta che Orsy Orsetta pubblicò anni fa sul forum de La cucina italiana ma che ho scoperto solo ora grazie a Eugenia. Ve la riporto così com'é stata trascritta da Orsy 😉

Peperoni alla partenopea di Orsy Orsetta
Un classico: variopinto, profumato, allegrissimo.
Occorrono: 3 peperoni (uno rosso, uno verde e uno giallo); 20 olive nere snocciolate e divise a mezzo; una dozzina di filetti d'acciuga sott'olio (oppure 3 acciughe ben in carne, sotto sale, sfilettate); 1 cucchiaiata di capperi (in salamoia, sotto sale); 3 cucchiai di pinoli; 15 foglie di basilico strappate con le dita; 2 cucchiaiate di pangrattato; olio d'oliva evo.
Sciacquate i peperoni, privateli dei piccioli tagliandoli tutt'attorno al calice, divideteli in falde, eliminate semi e costine bianche interne. Riducete ora le falde in listelli di 1 cm scarso raccogliendoli in un'insalatiera. Aggiungete le olive, i filetti d'acciuga spezzettati, capperi, pinoli, basilico e condite con 4 cucchiai d'olio evo mescolando bene. Passate il miscuglio in una teglia unta, comprimetelo leggermente con le mani, cospargetelo di pangrattato e spruzzatelo con ancora un po' d'olio, In forno a 180°C per mezz'ora o poco più.
Buoni caldi ma ancora di più a temperatura ambiente

NOTA: non ho messo le acciughe che non avevo e che comunquenon preferisco e ho sostituito i pinoli con le mandorle. I peperoni erano di colori diversi 😂

Commenti

  1. Io li faccio solo col pangrattato, ma allo stesso modo... Da provare aggiungendo olive e acciughe!
    P.s. BUONE VACANZE!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Buoni davvero e interpretabili all'infinito. Ciao, Giulia!

    RispondiElimina
  3. Una grande ricetta rende tantissimo in termini di sapore, non rilassarti troppo, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gunther 😀 nessun rilassamento, pausa da tastiera 😉

      Elimina
  4. Davvero interessante :) Grazie

    RispondiElimina
  5. Rientrano nei miei gusti, buoni! D'estate è sempre un problema decidere cosa mangiare, per fortuna il fornetto sul balcone mi aiuta anche per questa delizia. Ciao Giulia
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno