Passa ai contenuti principali

Marron Glassé

Solo una foto, e pure brutta, per questa ricetta sgarrupata!!!
Se credevate di trovare in questo post il segreto per realizzare questa prelibatezza, vi sbagliavate di grosso!!
      Avreste dovuto capirlo dal titolo, miei cari.......
Che vi sembra francese quello?
No, certo, quindi questi non sono i veri marron glassé!
Ma sono buoni lo stesso quindi ve li propino ugualmente



Marron Glassé alla maniera di Giulia

  • Marroni
  • Acqua 
  • Zucchero
  • Stecca di vaniglia
Fare la solita croce ai marroni, mentre sul fuoco avrete messo a bollire una pentola con abbondante acqua.
Tuffare i marroni nell'acqua un po' per volta, farli cuocerli 10 minuti circa e tirarli fuori dalla pentola.
Mentre spellate i marroni semicotti, tuffate nella pentola un altro gruppo di amichetti.

Finita questa operazione, preparate uno sciroppo in una pentola bassa e larga. I soliti
  • 500 gr di zucchero
  • 250 ml di acqua
  • 1 stecca di vaniglia
Mettete i marroni nello sciroppo, far bollire per cinque minuti circa e tenete a riposare per 24ore.
Dopo 24 h fate nuovamente prendere il bollore agli angioletti e teneteli a riposo un altro giorno.
Proseguite per alcuni giorni, finchè i marroni non vi sembreranno canditi. Potete anche lasciarli nello sciroppo senza riscaldarli, il periodo di riposo sarà più lungo ;)

Perché non ho altre foto?
    Semplice, i marroni sono finiti, nel senso di spazzolati, prima che terminassi tutta la procedura... :DDD

Quelli rotti sono più buoni!

Commenti

  1. Ma sei tremenda :) mangi queste prelibatezze in corso d'opera :)
    Mi piacciono da impazzire, ma non ho mai pensato di prepararli a casa, farebbero la stessa fine dei tuoi!!!!!
    Un bacione grande e felice serata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha.... sai cosa, fatte in casa sono più buone, perchè hanno di più il sapore delle castagne; in quelle comprate prevale lo zucchero ;) Felice serata a te

      Elimina
  2. Addirittura mangiati operazioni durante :-)
    Questo la dice lunga sulla loro bontà...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno