Passa ai contenuti principali

Ritorno in cucina: Treccia all'olio

Qualche tempo fa avevo un altro blog, Terra degli Ulivi, ed era un blog di cucina.

Per varie ragioni (anche di salute, la postura al computer mi dava problemi ), ho chiuso il blog circa un anno fa. Ora sto meglio, il pargolo cresce e ha bisogno di Internet... così mi è tornata la voglia di scrivere e di recuperare quelle ricette che con la chiusura del blog erano andate perse.

Comincio con questa meravigliosa treccia elaborata tempo fa dalla bravissima Gi e vi auguro una buona giornata




Treccia all'olio d'oliva

h.8
poolish
75g.farina 0 bio
75 g. succo di arancia filtrato
8 g. lievito liquido di segale
Sciogliere il lievito nel succo di arancia, aggiungere la farina, frullare e lasciare fino al raddoppio.

h.16.30
Impasto
Tutto il poolish
300 g. farina 0 bio
40 g. zucchero semolato
1 bacca di vaniglia
2 g. buccia di limone grattugiata fine (io ho usato della polvere di mandarino)
150 g. tuorli d’uovo (8)
25 g. acqua
4 g. sale fino
50 g. olio extravergine di oliva
Sciogliere il poolish con l’acqua. Frullare lo zucchero e gli aromi con le uova e aggiungere intervallando due cucchiai di farina e un po’ di uova attendendo ad aggiungere il resto fino a quando il precedente non è ben amalgamato. Con l’ultima farina unire il sale e solo alla fine l’olio a piccole dosi fino ad ottenere un impasto ben incordato, gonfio, asciutto e liscio. Trasferire in ciotola, coprire con pellicola e lasciar lievitare fino al raddoppio
h.23
trasferire l’impasto in frigorifero per tutta la notte (almeno 8 ore….massimo 20…nel caso si prolunghi la permanenza in frigo per più di 10 ore rompere la lievitazione prima di refrigerare) sempre coperto da pellicola.

h.8.15
Trasferire l'impasto lievitato su uno spiano e formare una treccia e mettere in uno stampo rettangolare leggermente unto (io ho usato uno stampo di carta), spennellare la superficie di olio e far lievitare fino a che la treccia sarà bella gonfia.
h.11.30
portare il forno a 200°, decorare con granella di zucchero e infornare. Abbassare immediatamente la temperatura a 180° e cuocere per 25’ (prova spaghetto) sfornare. Appena possibile sformare e far raffreddare su griglia.
E’ sofficissima…e…buona!!!! 


Fra un po' tornerò a salutarvi!

Commenti

  1. Giuliaaaaaaaaa!!!!!! Che piacere ritrovarti!!!!!!!!!!!
    Sono felicissima :)
    Festeggiamo con una fetta del tuo splendido treccione!!!!!!!
    Un abbraccio strettissimo e a prestoooooo!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei stata la prima da cui sono passata, ci vedremo spesso, spero...

      Elimina
    2. Sono felicissima, proprio una bellissima sorpresa!!!!!! :)

      Elimina
  2. mi sono chiesta spesso dove fossi, meno male che ti ho incrociata nel blog della Giuli e sono passata volentieri a salutarti! Che bella ricetta per la colazione, mi piace molto! Un abbraccio...

    RispondiElimina
  3. Giulia, ma che grande, grandissimo piacere ritrovarti e... rileggerti! Sono davvero felice che tu stia meglio ora, che il tuo pargolo cresca e che la nostra "mamma Giulia" continui a dispensarci i suoi bellissimi consigli culinari! Ti lascio un abbraccio e grazie di cuore!
    A presto Any

    RispondiElimina
  4. cara Giulia,

    sono felice di rivederti in rete.
    Confesso che mi ero preoccupata, ti avevo anche mandato un MP su Coqui sperando che almeno lì leggessi.
    Sono sollevata di sapere che tutto è a posto.

    Un bacio grande. E ripartiamo!!


    Giuli

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno