Passa ai contenuti principali

La Veneziana di Paoletta

Quest'anno non ero molto motivata a fare colombe. In primo luogo non ne avevo voglia, e poi, non so se a voi capita, tanto spesso ho l'impressione che non siano neanche gradite.
         "Ma chi te la fa fare?"  "Meglio comprarle" ... La gente ha difficoltà ad apprezzare il lavoro altrui o, come minimo, ad essere cortese. E dire che, ormai, ci ho preso la mano, non regalo schifezze o palloni... sgonfiati :D

          Comunque sia, volevo provare questa ricetta di Paoletta con l'intenzione di farci 2 colombe da mezzo chilo, una per le Palme e l'altra per Pasqua, ma mi sono accorta troppo tardi che non avevo più gli stampi e così ho optato per gli stampi normali da mezzo chilo.



Riporto la ricetta di Paoletta solo negli ingredienti perchè per il procedimento ho fatto di testa mia.
        Vi avviso che ho impastato a mano senza troppe difficoltà! Ormai lo faccio sempre da quando l'impastatrice è defunta e mi diverto di più


La Veneziana di Paoletta Anice e Cannella
1°impasto:
farina 205g (io ho usato tutta farina 0)
zucchero 60g
tuorli 3
burro 65g
acqua 90g
lievito naturale 88g (io ho usato 100 gr di una biga fatta con poco lievito di birra)

Il mio procedimento


 


  • Intanto ho fatto fondere dolcemente il burro nell'acqua. Trovavo questo procedimento molto comodo per alcuni lievitati, ma non l'avevo mai fatto per i grandi lievitati. Ci sono ritornata e devo dire che il risultato mi è piaciuto molto!
  • Ho mescolato i tuorli nella miscela di acqua e burro
  • Ho impastato farina e zucchero con la miscela di cui sopra e ho fatto un impasto a cui ho aggiunto la biga. Nella foto sopra a destra si vede il colore dei 2 diversi impasti


 



  • Qui sopra vedete l'impasto pronto e messo in ciotola. Per la lievitazione ho semplicemente coperto con una busta di plastica
  • Ho preparato la glassa e messo in frigo. Questa la ricetta di Paoletta: 105gr di albumi con 115gr di farina di mandorle, 150gr di zucchero, 15gr di farina di riso, 15gr di fecola, poche gocce di aroma di mandorle, mezzo cucchiaino di cacao.


    Il Mattino dopo 

2° impasto:
farina 145g (la farina 0 di prima)
zucchero 80g
burro 65g
sale 2,2g
tuorli 3
uovo 1
acqua 25g
arancia candita in pasta 30g
miele 15g
estratto di vaniglia 1 cucchiaino
 


  • Al mattina l'impasto era come vedete nella foto a sinistra. Quello dietro è il 2° impasto che ho preparato già la sera prima. Autolisi
  • Ho aggiunto poco alla volta il 2° impasto al 1° impasto e il risultato lo vedete nelle foto sotto



 


  •  Ora aggiungete alla pasta pronta 150 g di canditi di arancia come vedete nella foto sotto: Allargate la pasta, inserite i canditi, arrotolate e incorporate pian piano




  • Dividete l'impasto in 2 parti e fate puntare per almeno mezz'ora e anche più
  • Arrotolate la pasta e inserite nei pirottini
  • Fate lievitare



Qui sotto vedete i due prodotti lievitati



E qui mio figlio che glassa



Completiamo con zucchero a velo, zucchero in granella e mandorle


      Infornare!
A cottura ultimata infilzare i dolci con degli stecchi di legno e tenere a testa in giù per una notte

Ecco le veneziane pronte!


Buona giornata a tutti!!

Commenti

  1. Sono splendide queste veneziane cara Giulia, sei stata bravissima con l'impasto a mano!!!
    Buona Pasqua...a presto...

    RispondiElimina
  2. Siamo un pò lontane, altrimenti mi proporrei per tutti i regali rimasti: fai delle preparazioni degne d'essere assaggiate e mangiate. Il clima quest'anno mi invita a pensare al Natale piuttosto che alla Pasqua, quindi le tue forme di colomba mi stanno benone. Contraccambio gli auguri. Trascorri delle feste in serenità. Ciao

    RispondiElimina
  3. ma sono bellissime! complimenti veramente.
    Buona Pasqua

    irene

    RispondiElimina
  4. splendide veneziane,complimenti e Buona Pasqua

    RispondiElimina
  5. Sono splendide! Tanti auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  6. gran bel risultato: sono magnifiche e saranno buonissime ^ - ^
    un abbraccio e buona Pasqua

    RispondiElimina
  7. Complimenti sia per le ricette che per le foto!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno