Passa ai contenuti principali

Torta Tres Leches


Poche parole per questo post, solo una ricetta.
       La torta che vedrete oggi è una delle più facili e buone in assoluto. La trovo molto adatta per l'estate perchè è gradevole e fresca. Inoltre, avendo la copertura in meringa, vi permetterà, se vorrete, di consumare un bel po' di albumi di cui non saprete cosa fare.
       Nella versione di oggi la copertura è fatta con panna e questo renderà il dolce ancora più veloce da preparare.





Per la torta (tipo pan di spagna):
6 uova
200 g di zucchero
200 g di farina 00
1 cucchiani di essenza di vaniglia
1cucchiaino di lievito per dolci
  • Montate benissimo le uova con lo zucchero
  • Aggiungete la farina con il lievito mescolando lentamente con una spatola
  • Mettete in una teglia capiente (io per questa torta uso quelle grandi usa e getta in alluminio) e cuocere in forno a 180° (anche meno nel mio forno) per circa mezz'ora


Per la Bagna
300 g di panna non montata
300 g di latte condensato
300 g di latte intero 
buccia di limone (l'ho aggiunta io) 
  • Mescolare i 3 latti sul fuoco a fiamma dolce con la buccia di limone (non devono bollire, bisogna solo amalgamarli bene
  • Bucherellare la torta e imbiberla con la bagna
  • Far riposare e raffreddare



Per la copertura potete usare 2 metodi: quello tradizione con la meringa e quello più veloce con la panna ma altrettanto buono!!

Per la meringa
6 albumi
2 1/2 tazza di zucchero semolato
1 tazza di acqua
  • Con lo zucchero e l'acqua fate uno sciroppo piuttosto denso
  • Nel frattempo montate gli albumi in planetari
  • Versate lo sciroppo lentamente sugli albumi e continuare a montare
  • Coprite il dolce con questa meringa. Se userete una sac a poche potrete realizzare delle belle decorazioni. A me con la meringa piace molto ;))



















Se invece non avete albumi a disposizione e volete sbrigarvi prima, ricoprite il dolce con abbondante panna montata!!!! Però, per ricordare il gusto della meringa sarà necessario ricoprire il tutto con del caramello ;) 

          Fatelo così
  • Mettete in un pentolino sul fuoco 4 o 5 cucchiai di zucchero e, se volete, un poco d'acqua. 
  • Fate sciogliere il tutto per bene finchè non diventa di un delizioso colore ambrato.
  • Ora deve raffreddare un po', altrimenti i fili non vi verranno



  • Con una forchetta sollevate il caramello appiccicoso in aria, allungatelo in modo da ottenere dei bei filamenti decorativi.
  • Aiutatevi anche con le mani per allungare i fili di caramello e poggiateli sulla torta
  • L'effetto finale è molto bello, anche se semplice... mia nipote era incantata :DD



P.S: Faccio questo dolce da molto tempo. Ricetta presa anni fa da cookaround... non riesco più a trovarla, perciò non metto il link :((
L'idea di decorare con la panna viene dalla bravissima Paola Lazzari che scrive su Ammodomio e ne sa una più del diavolo in fatto di dolci ;)

Buona giornata a tutti!!!!!

Commenti

  1. Oggi ci starebbe proprio ad hoc questa torta!

    RispondiElimina
  2. Mi ispira molto, però non riesco a immaginare quanto viene umida....:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungerò la foto di una fetta così potrai vedere... comunque sta in piedi :D

      Elimina
  3. Mi piace tanto, anche il modo di come l'hai decorata...complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Giulia, deve essere davvero super golosa...mi piace!!! Brava!!!
    Bacioni, buona giornata...

    RispondiElimina
  5. Dev'essere di una bontà unica!!!Bravissima Giulia,un bacione

    RispondiElimina
  6. Ciao sono andata un po' in giro pe il tuo blog che mi piace sempre tanto...fai delle ricette ricche ma sempre spiegate con facilità, brava
    Cinzia

    RispondiElimina
  7. Sono a dieta :( ne mangerei mezza proprio qui su due piedi!
    Io adoro latte, panna e meringa... il loro bianco ha un effetto deleterio sulla mia bilancia!!!

    RispondiElimina
  8. che brava anche li fili di zucchero alla fine una torta molto interessante

    RispondiElimina
  9. golosissima con il caramello, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno