Passa ai contenuti principali

Zucchero Vanigliato




              Anche oggi una non-ricetta, ma di quelle che può tornare utile in varie circostanze.
Sappiamo tutti molto bene che la vanillina è un'aroma artificiale... che è meglio usare le bacche di vaniglia... che dobbiamo aprirle e tirare fuori i semini... che poi non sappiamo come utilizzare la restante bacca se non facendola bollire nel latte per un po' di crema... ! 
           E non dimentichiamo che le suddette bacche costano un botto!!!




             Certo, comprando da Internet si risparmia, ma non tutti sono avvezzi a farlo!
Mi si dice di preparare l'estratto di vaniglia, ma ci vuole l'alcool e anche quello costa un botto!!  Inoltre, io non faccio liquori e non ho alcool a 95° in casa. Così ho trovato molto più efficiente, per me e per i miei usi, provare a farmi una bella scorta di zucchero vanigliato!!!
              Aggiungo che io non amo il sentore di vaniglia troppo forte, soprattutto nella crema inglese, quindi, per me, questa è la soluzione ideale!!




Zucchero Vanigliato
  2 stecche di vaniglia
500 g di zucchero

  • Tagliate a pezzi le stecche di vaniglia. Apritele anche in modo da favorire la fuori uscita di semini
  • Metterle nel mixer con lo zucchero e tritate!
  • Conservare in un barattolo di vetro e non usare subito; date il tempo agli aromi di amalgamarsi




        Stamattina un post banale, scritto più che altro per divertirmi con un programmino di modifica foto :)))
Che dite, vi piacciono? 
         
          Alla prossima!!!!

Commenti

  1. in effetti, ammetto di comprare lo zucchero vanigliato comune, non avevo mai pensato che è fatto con aromi sintetici e non naturali, mi hai dato una bella idea!

    RispondiElimina
  2. :-) mi piace molto il metodo effettivamente il costo della vaniglia è alto

    RispondiElimina
  3. Ottimo suggerimento, grazie Giulia ;)
    Belle le foto con quegli effetti!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno