Passa ai contenuti principali

Pane alla Zucca

            Ho fatto questo pane diverse volte prima di natale, ma lo pubblico solo ora. Ehhh.... si, vado al rilento col blog, la voglia di pubblicare è poca :) Di certo potrei farne a meno!! C'é talmente tanta cucina in rete che di me si potrebbe fare benissimo a meno;)

          Il fatto è che io pubblico per me. Se faccio un pastrocchio e viene bene devo ricordarlo! Avendo il blog sono costretta a fotografare per pubblicare e la foto aiuta di certo a ricordare il risultato della ricetta :)




            Ma ora, visto che, come dicevo, ho poca voglia di scrivere, meglio sbrigarsi con la ricetta prima che decida di alzarmi da questa sedia :))))))


Pane alla Zucca
500 g di farina 0 (oppure 300 farina 0 e 200 semola rimacinata)
300 g zucca cotta al vapore (pesata da cruda e senza buccia)
 un bel pizzico di sale
una manciata abbondante di semi (io ho usato lino e sesamo)
un pugno di lievito madre (diciamo fra i 100 e i 150 g)
Se non avete lievito madre potrete sostituirlo con la stessa quantità di pasta di riporto, o con una biga... fate voi ;)

  • Cuocete la zucca a vapore come si vede in questo post o come preferite 
  • Setacciate la farina in una ciotola e fate la fontana. Cospargete col  sale necessario
  • Schiacciate con una forchetta la zucca o frullatela con un po' d'acqua e mettetela al centro della fontana
  • Impastate partendo dal centro e, dopo un po', aggiungete la manciata di semi




  •  Fate qualche piega, arrotolate la pasta e coprite la coppa con un coperchio o con una busta di plastica. Fate lievitare tutta la notte. Con questo tempo conviene farlo fuori dal frigo, se fa caldo mettete tutto in frigo
  • Al mattino stendete l'impasto con delicatezza e arrotolatelo per dargli la forma
  • Fate lievitare e infornate a 180° per circa 45'.
  • Se avete tenuto la pasta in frigo durante la notte, tirate fuori dal frigo e aspettate almeno 2 ore prima di dare la forma.



 NOTE: Il pane si dovrebbe cuocere a fiamma molto più alta, almeno 220°!! A casa mia, però, qualsiasi tipo di pane deve cuocere a temperatura più bassa, perché altrimenti viene male. Anche torte e brioche non le cuocio ai soliti 180°, ma a 150° . Quindi, per quanto riguarda la temperatura, regolatevi come siete soliti fare ;)
         


           Questo pane è davvero molto buono, rustico e delicato al tempo stesso.
I salumi che vedete in foto li prepara il mio macellaio e sono molto più buoni di quelli da supermercato, non c'è paragone, una vera goduria col pane fatto in casa!!!



Un'altra foto per salutarvi... Alla prossima!!!

Commenti

  1. buono,in questo periodo preparo diverse cose con la zucca,mi piace tanto anche mangiata semplicemente arrostita,che buono,a presto

    RispondiElimina
  2. Che bella pagnottona ! Ma di tutto quell'impasto hai fatto un pane unico ? Io non lo
    posso fare : siamo in due, mi durerebbe troppo a lungo. Son costretta a pezzature
    molto più piccole. Ti invidio i salumi ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, è unpane da meno di un kg.. anche noi siamo solo 2, ma col lievito madre si mantiene bene per un bel po'. E poi, mangiato con quei salumi, finisce in 2 giorni ;)

      Elimina
    2. So che si mantiene, uso sempre anch'io il LM. Ma i miei panini sono tra i 230 e i 240 g... e mi va un panino al giorno.... Altri ritmi e sicuramente altra età !!!!!

      Elimina
  3. Mi piace molto il pane di zucca e lo preparo spesso, ma non ho mai aggiunto i semi. Da provare :)
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. Ti è venuto benissimo questo pane Giulia :)
    Bacioni...

    RispondiElimina
  5. Giulia!!!! Ma che spettacolo, l'ora poi è giusta :) m'hai fatto venire una fame pazzesca!!!!
    Proverò presto, un bacione e grazie!!!!!

    RispondiElimina
  6. SEi sempre una maga dei lievitati!.-)
    Cinzia

    RispondiElimina
  7. Bellissimo pane di zucca , e anche bello alveolato !!!

    RispondiElimina
  8. L'ho visto su FB e me ne sono innamorata. Lo sai, amo mettere le mani in pasta e questo pane lo farò. Segno la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! So che fai pani magnifici, verrá più bello del mio ;))

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari della Settimana

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Kouglof, completiamo il discorso

La ricetta di questo dolce è già presente su questo blog e la trovate QUI. Poiché l'ho trovato molto buono, nel periodo natalizio l'ho preparato 2 volte. In questo post vi racconto alcune piccole differenze che ho apportato in questa seconda versione 😉



Intanto nelle foto sopra potete vedere il lievitino pronto e fermentato e l'uvetta in ammollo da un giorno 😀


Dunque, dicevo... La prima modifica consiste nell'aver sostituito i 300 ml di latte con 200 di panna più 100 di acqua. Volevo consumare la panna e l'ho diluita con acqua anziché latte per non appesantire troppo l'impasto



Inoltre, guardando bene la ricetta originale, mi sono accorta che lo chef Bruno Albouze preparava con quell'impasto un solo dolce anziché 2 come io avevo erroneamente intuito😲😲😲 e così questa seconda volta ho proceduto allo stesso modo





Credo che il dolce avrebbe dovuto lievitare molto di più perché mi aspettavo un cuscino alla base che in realtà non si è formato 😔😔. Eppure la l…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Schiacciata fiorentina di Pellegrino Artusi

La ricetta che vi propongo oggi è una delle mie preferite!!!

Se usate regolarmente il lievito madre, questo dolce vi permetterà di smaltirne una buona quantità in un colpo solo e di ottenere, allo stesso tempo, un dolce molto buono e delicato :))




    Vi anticipo subito, però, che non vi è concesso fare i furbi!!!
 Se andate a controllare la ricetta 596 dell'Artusi, quella da cui sono partita per questo dolce, vi accorgerete subito che ci vogliono 650 g di Lievito (quindi lievito madre rinfrescato o pasta da pane) a cui vanno aggiunti gli altri ingredienti (uova, burro, zucchero...) per ottenere il dolce. Ebbene, non vi fidate. Usare solo lievito madre, o avanzi vari non va bene, avrete una pasta acida, in alcuni casi poco, in altri un po' troppo.

         Consiglio quindi 2 soluzioni
Per chi non usa lievito madre va benissimo partire da pasta da pane fatta con lievito di birraOppure seguire le variazioni che ho apportato io ;)))

Kughelhupf, un altro

É un po' che non scrivo sul blog, quasi un mese e decisamente non ne avevo voglia 😆 Poi il periodo natalizio è davvero strano perché il web é pieno di ricette e non se ne può più! Ora che ci siamo rilassati torno a scrivere e lo faccio con questo magnifico dolce di Bruno Albouze 💖 Ho scoperto questo chef su you tube ma lì le ricette non sempre sono scritte mentre sul sito tutto é più facile 😉
Appena vidi questa ricetta mi colpì subito ( insieme a tante altre a dire il vero) e decisi che l'avrei provata assolutamente. L'occasione é arrivata a Natale e ho replicato a Capodanno con piccole varianti (se ne ho voglia dovrei farci un altro post). É stato il dolce delle nostre feste quest'anno particolarmente tranquille 💖💖. Trovate la ricetta QUI e poi sjl canale you tube dello chef dove i passaggi sono spiegati molto bene😉


Kughelhupf di Bruno Albouze

Per l'uvetta
Fate uno sciroppo con
250 ml di acqua
100 g di zucchero

Al bollore unite 60 g di rum scuro, 250 g di uvet…

Zabaione by Laura Ravaioli

Lo zabaione è una delle cose più buone in assoluto!!! Si fa in un niente, è divertente se cominciate a misurare gli ingredienti col guscio d'uovo 😀 e accompagna molto bene altre preparazioni dolci 😉 Dunque fatelo come volete, ma io qui vi suggerisco le dosi date da Laura Ravaioli diversi anni fa sul Gambero Roaso.

Zabaione
  5 tuorli
100 g di zucchero
100 ml di marsala o altro (io ho usato passito di Pantelleria e tolto un po' di zucchero)


 Mettete zucchero e tuorli in una bastardella a bagnomaria e cominciate a mescolare con una frustaAggiungete il marsala (passito) e continuate a montareFate attenzione a non cuocere le uova, il bagnomaria dev'essere dolce. Spegnete la fiamma una volta che l'acqua abbia raggiunto il bollorw

In 5' avrete il vostro zabaione!!!


In questa foto lo vedete bello gonfio e spumoso 😉


Fate raffreddare in una ciotola con ghiaccio, sempre montando, e versate nelle coppette. A me il ghiaccio non è servito perché faceva molto freddo e si è st…