Passa ai contenuti principali

Tarte di Lamponi

       Lo sapete, vero, che da qualche settimana il Corriere della Sera sta pubblicando una serie di libri intitolata Storie di Cucina ? Ebbene, all'interno di questa serie si possono trovare i testi più diversi... saggi quasi storici, storie, biografie, testi di ricette e... storielle :) Anzi, diciamo pure che la maggior parte di questi libri non hanno pretese letterarie, sono però godibili e, alcuni, pieni zeppi di ricette!!

         E dunque, visto che sto parlando da un blog di cucina, posso certo dire che questa è la cosa che ci interessa di più :)))




        Il primo libro pubblicato dal Corriere è stato quello di Ruth Reichl, La parte più tenera, opera in cui l'autrice americana racconta il percorso di vita che l'ha portata a diventare una rinomata critica gastronomica. Il libro è piuttosto godibile e, fra le pagine della storia, troviamo anche alcune ricette che hanno segnato questo percorso. Molte sono davvero interessanti!
     Quella che ho voluto provare per prima e che vi presento oggi, è questa tarte ai lamponi. Alla fine, altro non è che una crostata frangipane, a cui io ho anche tolto la crema frangipane visto che all'ultimo momento non avevo più voglia di farla, ma la frolla devo dire che merita, perciò ve la propongo










Tarte di Lamponi alla Oléro
Per la frolla
180 g fafina setacciata
  50 g zucchero
120 gr burro
  2 cucchiai panna
  1 tuorlo

  • Mettete i primi tre ingredienti e intridete la fafina col burro come si ga normalmente per una frolla, cioé strofinando con le dita
  • Aggiungete il tuorlo e la panna e date compattezza all'impasto. Fate riposare in frigo per almeno 3 ore
  • Girate la pasta fuori dal frigo e stendetela in una teglia di 20/22 cm, copritela con carta forno e fagioli e cuocete in forno a 180 ° per 20'
  • Togliete i fagioli e cuocete per altri 10'



        A questo punto bisognava mettere nella frolla la crema frangipane, i lamponi e via in forno!!

        Io non ho fatto la crema, perciò ho cosparso con qualche cucchiaio di marmellata di fragole, ho ricoperto di lamponi e via, in forno per 10'!!!

        L'ho trovata ottima, anche se io sono di parte perché adoro i lamponi e il loro gusto acidulo, tanto che non l'ho neanche cosparsa di zucchero come molti avrebbero preferito ;)



       Qui é cotta.
Buonissima con lo yogurt greco ;)))

Se mai dovessi rifarla con la frangipane, vi farò sapere!

       Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno