Passa ai contenuti principali

Linzer Torte di zia Teresa

         Si lo so, in giro per il web ci sono anche troppe ricette di linzer torte, anzi, in giro per il web ci sono troppe ricette di tutto... il fatto è che ognuno di noi ha una o più ricette del cuore e questa rientra tra quelle che ho sempre adorato.

         Non ho mai amato i dolci. Anche ora che ne provo di diversi e ne mangio di vari generi, devo dire che, fondamentalmente non mi piacciono. Se sono troppo dolci non ne parliamo, se pieni di grassi e zucchero li aborro, se ricoperti di pasta di zucchero... bleha..!! Infatti continuo a non capire perché sia ancora tanto di moda.

          Mi piacciono i dolci con un loro gusto, una loro personalitá... per dirla in breve mi piacciono i dolci che abbiano un sapore. In bar e pasticcerie vengono spacciate per bavaresi miscugli non meglio identificati di panna e frutta con un po' di zucchero e la crema nei dolci sa di farina e latte, sigh...




        Ecco perché, ultimamente, mi è venuta una gran voglia di rifare i dolci che amo, quelli che, quando eravamo bambini, erano sempre presenti, o quasi, sulle nostre tavole, che mangiavamo di gusto e ci piacevano da matti!
         La sorella di mia madre, zia Teresa, abita in Germania e, da ragazzini, la vedevamo ogni 2 anni circa. La sua famiglia, marito e 3 cugine, arrivava con la macchina piena di caramelle e regali, budini, vaniglia e prelibatezze non proprio salutari ma che facevano una gran festa! Noi abitavamo in campagna e il divertimento era assicurato :))) La zia era ed é una forza della natura, un'allegria contagiosa in un quintale di morbidezza :)))

         Era instancabile!
Cucinava manicaretti non proprio dietetici e dolci da sballo.
         Come ho già detto io non amavo i dolci, mi facevano quasi impressione... Un giorno mia madre se ne viene dicendo che dovevo assagiare assolutamente la crostata di zia Teresa.
"Non ne voglio"  figuriamoci... ma erano tutti lì a insistere, che era troppo buona, che dovevo assagiarne un pezzettino e che, se non mi fosse piaciuta, potevo lasciar perdere.
          Quando la vidi notai che era una crostata strana, nera, col cioccolato... e al cioccolato ho sempre dato una chance, perché al palago non lo sento dolce, che poi abbia un milione di calorie é unaltro discorso ;)




       Che aggiungere? La trovai così buona che per poco non la finivo tutta, esattamente come ho fatto qualche tempo fa, quando l'ho rifatta e non riuscivo a farla sparire dalla mia vista :)))


Linzer Torte di zia Teresa
200 g farina 00
  50 g fecola
 1 cucchiaio abbondante di cacao
200 gmandorle tritate
150 g zucchero
150 g burro
  1 uovo
aromi: noce moscata, cannella, chiodi di garofano, buccia di limone
  • Con questi ingredienti dovete fare la base, che è una pasta frolla un po' diversa. Potete mettere tranquillamente tutto in un cutter e impastare
  • Comw per una frolla l'impasto deveriposare in frigo almeno un'ora
  • Con 2/3 della pasta coderate una teglia da 26 cm di diametro, farcite con marmellata di prugne e, col restante 1/3 fate dei cilindri per la griglia della crostata
  • In forno a 180° per circa 30'
I puristi diranno che la linzer torte si farcisce con marmellata di lamponi.... ma questa non è la vera linzer torte, é semplicemente la linzer torte di zia Teresa ;))

Buona giornata a tutti!



Commenti

  1. mooolto invitante! Buon Primo Maggio!

    RispondiElimina
  2. Ciao, Giulia. Anch'io sono un'amante dei dolci semplici, quelli che rievocano memorie e storie familiari. Non amo le torte troppo elaborate e i dolci troppo, per cosi' dire, concettuali. Mi sembrano cose da pasticceria, ancorche' blasonata, o da ristorante; in una casa privata, credo sia infinitamente piu' elegante presentare torte semplici, anche con qualche imperfezione, ma piu' autentiche, come questa bellissima Linzer di zia Teresa.
    PS ho sempre fatto quella di Marina Braito, ottima. Copiero' la tua versione di famiglia.
    Un abbraccio
    Eugenia

    RispondiElimina
  3. difficile non notarla , saperla di averla in casa e stare lontani :-)

    RispondiElimina
  4. Prima o poi la faccio questa torta...ti e` venuta benissimo
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Giulia, mi piace molto la tua crostata, sarà sicuramente gustosa ed invitante. Da provare subito! Anch'io sai, riduco sempre tanto lo zucchero nei dolci, non riesco proprio ad accettare dei pesi esagerati, come pure il burro...Insomma sono per i dolci, meno calorici :)))))
    Un abbraccio, Rosa

    RispondiElimina
  6. Anch'io amo I dolci semplici,ed ho una particolare avversione per i dolci troppo rifiniti.Amo parecchio le spezie e la Linzer di zia Teresa mi attira assai! Buona serata,Edith

    RispondiElimina
  7. Questa tua crostata mi ha fatto ricordare quella che ci faceva mia nonna. I profumi e la farcitura sono quelli e solo rileggerti mi ha riportato alla mente il suo sapore.
    bravissima, un abbraccio
    Adele

    RispondiElimina
  8. anche a me piace la Linzer, segno la tua ricetta Giulia !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno