domenica 21 giugno 2015

Kasekuchen

       Ho assaggiato questo dolce per la prima volta circa trent'anni fa, quando nessuno aveva mai sentito parlare di cheese cake e quando anche proporre la pastiera era un evento! Io vivo in Puglia e, ogni volta che arrivava Pasqua, mia madre preparava la pastiera (lei è mezza napoletana) e quando qualcuno la assaggiava, tutti erano curiosi di sapere come si facesse questo strano dolce col grano!



         Poi c'era zia Teresa, di cui vi ho parlato qui e qui che, dalla Germania, ci portava nuovi sapori! Un anno se ne venne con un formaggio mai sentito, il quark, e ci propose questo dolce. Io uscii di casa e lasciai lei e madre a pastrocchiare. Quando tornai chiesi a mia madre come fosse il nuovo dolce e lei mi disse che non le piaceva... figuriamoci!! Mia madre è molto tradizionalista, negli anni ho scoperto che lei ha un palato piuttosto banale, tutto ciò che è nuovo non le piace :)))

        Così andai in tavernetta e vidi circa 4 dolci negli stampi da pastiera che avevano un bellissimo aspetto! Assaggiai un pezzo dal dolce già tagliato e rimasi folgorata! Ma come si faceva a dire che quella prelibatezza non era buona!? e di quel meraviglioso gusto acidulo? Ne vogliamo parlare?
        

        Da allora ho mangiato kasekuchen solo quando mia zia veniva dalla Germania e portava il quark, cioè ogni 2 anni circa, poi niente per un bel po', finchè, qualche mese fa, vado alla Lidl e lo trovo!!! Si proprio lui, il formaggio dal gusto di yogurt, dalla consistenza strana e buonissimo!!! Ne ho fatto scorta e preparato 2 mega torte in pochi giorni. inutile usare phi... a o formaggi similari, non è la stessa cosa ;))



E ora eccovi la ricetta
Kasekuchen di zia Teresa
Per la frolla
200 g farina 00
100 burro
da 50 a 100 g di zucchero (dipende dai gusti)
  1 uovo
buccia di limone grattugiata 
  • Preparare la frolla come al solito e foderare una tortiera da 26 cm di diametro. Io faccio con le mani e lo strato dev'essere molto sottile, tanto che la frolla mi avanza sempre
  • tenere lo stampo con la frolla in frigo
  • E' preferibile che lo stampo abbia il cerchio amovibile. Il mio non ce l'ha, ma viene sempre bene.. sarà che ho preso la mano?
Ripieno
  1 kg di formaggio quarck
200 g di zucchero (anche 150)
125 gdi burro (si può omettere o diminuire la dose, ma se è inverno non fatelo! Il dolce sará molto più cremoso ;)
  4 uova
  2 cucchiai di semolino
  1 busta di budino pronto
buccia e succo di limone
  • Mescolate tutto insieme, non ci sono particolari accorgimenti. Certo, conviene incorporare lo zucchero e le polveri alle uova e poi aggiungere il formaggio, ma queste sono considerazioni a cui si giunge intuitivamente :D
  • Versare la crema di formaggio nello stampo con la frolla e infornare a 150°. Ci vorrà un ora di cottura e anche più
  • Il dolce in forno si solleva molto, non sempre, ma a cottura ultimata si abbassa
  • Far raffreddare in forno per almeno 2 ore e sfornare, ma si può tranquillamente aspettare. Devo dire però che, mentre le normali cheese cake sono più buone fredde, questo dolce lo preferisco decisamente tiepido!! Fate voi ;)



Qui l'ho servito con una salsa ai frutti di bosco, ma non ci sta bene, meglio nature!

Un' altra squisita versione si ottiene mettendo sulla frolla non ancora coperta di crema al formaggio, dell'uvetta o mele a pezzetti, fate un po' voi!

P.S: Le foto sono orrende, ma ormai le faccio solo col tablet, quindi l'estetica è andata a farsi benedire ;))

      Alla prossima e buona domenica!!


20 commenti:

  1. Credo proprio che si tratti dell'antenata della cheese cake, che, portata in America dagli emigranti tedeschi, si è trasformata come sappiamo. Se trovo il quark,la provo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mariella, come tanti altri dolci o pietanze europee che, una volta arrivati negli states, hanno cambiato.. fisionomia..

      Elimina
  2. la prossima volta che passo alla Lidl lo compero, questo dolce mi piace da sempre ma non trovavo il quark, grazie , buona domenica !

    RispondiElimina
  3. Spesso si fa prima a dire che una cosa non piace, piuttosto che aprirsi a nuovi sapori e mettere in discussione le proprie idee :) Lo fanno spesso anche i miei, ma io sono capatosta e glieli propongo fino a che non cedono.. e mi danno ragione :) Adesso sifidano di più, si incuriosiscono.. una piccola conquista :) Come una conquista di golosità sicura è questa cheesecake tedesca :D

    RispondiElimina
  4. Mi sono fatta spesso accalappiare dal gusto del formaggio quark, quindi ben venga anche questa torta al formaggio. Tua zia è una miniera di golosità; fortunata nipote. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si stefania, ricordo le tie ricette col quark, ora devi provare anche questo!

      Elimina
  5. Il nome è davvero difficile, ma mi fido dei tuoi gusti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, niente nome difficile ;)) e grazie per la fiducia

      Elimina
  6. sì, nella mia parte di famiglia svizzera era di casa, in effetti con le uvette. Ma sempre comprata pronta, non ne avevo la ricetta. E ora salta fuori la busta di budino... ecco il trucco! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tedeschi mettono il budino in molti dolci e, devo dire, con grandi risultati!

      Elimina
  7. Mi chiedo se in mancanza di quark si possa usare yogurt greco ulteriormente scolato e aggiungendo la dose massima di zucchero + bene che prosegui il blog tra altro. S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefano, credo che in cottura lo yogurt.. quaglierebbe,,, non so, non mi fido :)) magari si potrebbe aggiungerne una buona parte al solito philadelphia..

      Elimina
  8. ...non penso sai, considerando uova e un minimo di farina....come in questa ottima torta di yogurt, che noterai, di fatto e' il ripieno di una cheese cake, senza guscio
    http://www.telegraph.co.uk/foodanddrink/recipes/11322101/Yogurt-cake-withpistachios-recipe.html
    tra altro pensavo che per mantenere quel certo gusto acidulo che funziona molto bene in una cheesecake, per renderla, al palato, un poco più' leggera, si potrebbe anche mescolare yogurt a robiola, come in altra ricetta tua
    s

    RispondiElimina
  9. Allora non resta che provare.. in effetti quella con la robiola è molto buona. Vado a vedere il dolce che citi

    RispondiElimina
  10. Naturalmente la mia consuocera tedesca- di Monaco- fa questo dolce con il Quark: mio marito ne va matto. Adesso lei abita in un paese in Austria, vicino ai comuni nipoti. Ce lo ha fatto ora che eravamo su dai nipoti. Che buono! La sua ricetta varia di poco rispetto a quella di zia Teresa: lei non mette il semolino, ma 6 uova , sempre su 1 kg di Quark, e aggiunge uvetta. Quando lo faccio io, ammollo l'uvetta nel rum. Brava a proporlo, è buonissimo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...