Passa ai contenuti principali

Cibo, diete, risate..


          Tempi tristi per la cucina, non c'è che dire!!!

Dov'è finito il piacere della tavola e della condivisione? La voglia di stare insieme mangiando qualcosa di buono? Sono anni e anni ormai che, ogni qualvolta si pranza in compagnia, l'argomento di conversazione è il cibo stesso... perché? 

         Il cibo deve accompagnare, rallegrare, non essere necessariamente perfetto ed esteticamente sublime! Non trovate che sia diventato noioso mangiare in compagnia? E' ovvio che molto dipende dalle persone che sono con noi o da noi stessi ma, per lo più, a tavola non si è più rilassati.






         Ogni volta che devo pranzare da mia madre ho i crampi allo stomaco. Ad ogni boccone che ingurgiti ti chiede "com'è venuto", "è buono", "lo rifaccio". Ovviamente si aspetta solo risposte positive e, se dissenti (magari manca un po' di sale), si offende...

        Ma si può?
Davvero vogliamo questo tipo di gratificazioni?

        E non parliamo dei salutisti!!!!!!
..."questo si", "questo no", "questo fa venire il tumore"..... tenete conto che, chi scrive, si nutre in maniera abbastanza morigerata e, se magari ho preparato un dolce pieno zeppo di calorie, magari è stato proprio per festeggiare la tua presenza caro il mio ospite lamentoso!! :DD





        Ecco dunque che, in questo clima di saccenza culinaria, il buon Crozza si presenta come uno spiraglio di luce, di divertimento... come un mega galattico vaffa a mode, razionalizzazioni, diete improbabili, stili di vita, modi di mangiare... e via dicendo :D

         Facciamoci una risata!

Commenti

  1. Ma si, ridiamoci su che fa buon sangue. Ti auguro una buona giornata Giulia, e una gioiosa risata, perchè più ridi e più sei felice, chi ti sta vicino si contagia ed è anche lui felice. Magari riusciamo a rendere il mondo meno serioso. Un bacione Ciao Stefania

    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
  2. Mahh... direi che il cibo è diventato di gran moda; il parlare, il" conversare"...no! Ho visto 6 adulti attorno ad tavolo, tutti e 6 che si occupavano del proprio smartphone. E non so proprio se gustavano quello che mangiavano... W Crozza e qualche sana risata..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione anche tu Daniela! La nuova frontiera dello stare a tavola... conversare col telefono :(((

      Elimina
  3. Ma Giulia, grazie! Grazie per il divertentissimo Crozza, e per tutti gli spunti che ha dato lui e soprattutto tu! Condivido quello che tu dici! Ultimamente si parla troppo di cibo...dappertutto...anche a tavola, invece di altro! Ogni esagerazione non va mai bene. Dovremmo dare la giusta importanza ad ogni cosa!!!
    Un bacio con un sorriso :)
    Rosa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno