Passa ai contenuti principali

Gugelhuupf di sua maestá 2



          Questa ricetta é giá presente su questo blog e la trovate qui. Quando lo feci la prima volta mi piacque moltissimo e pensai che fosse addirittura più buono di un pandoro buono ;) Lo rifeci, ma ancora non avevo provato la versione intera, quella con 12 ruorli! Ebbene si... ci saranno problemi di salute... :D




         Ma bando alle ciance ed eccovi la ricetta. Alla fine però scriverò delle annotazioni perché ho sbagliato una cosa

Gugelhupf di sua maestá 2
150 g di burro
12 tuorli
250 g di farina
25 g lievito di birra (le note alla fine riguarderanno proprio il lievito)
80/100 g zucchero
40/50 ml di latte
Buccia di arancia e di limone grattugiata



  • Sciogliere il lievito nel latte tiepido
  • Cominciare a montare il burro per bene e aggiungere un tuorlo
  • Aggiungere la farina mischiata con lo zucchero alternando ai tuorli. Continuare a montare.
  • Come potetevedere dalla foto sopra, a un certo punto l'impasto é come incordato



  • A questo punto ho cambiato le fruste con quelle a spirale
  • Ho aggiunto il latte col lievito e l'impasto é diventato più morbido, ma non ha perso la corda visto che é rimasto filante




  • Versare nello stampo (ho solo imburrato) e far lievitare. Ci ha messo circa 3 ore
  • Quando la pasta ha raggiunto il bordo infornare a 170° per circa 40 '. Io ho cotto a 150° perché il forno é ventilato



      Questo é il dolce cotto



     E qui é sformato. Cospargere abbondantemente di zucchero a velo!



     Questo dolce é squisito e molto bello a vedersi, però.....

NOTE: dovete assolutamente diminuire la quantitá di lievito!!! Infatti, per quanto sia venuto bello e buono, non ha eguagliato la bontá di quello fatto in precedenza dove lievitò per tutta una notte. Le lunghe lievitazioni favoriscono lo sprigionarsi dei profumi e in questo caso il dolce aveva qualcosa che non andava, minor sentore di burro e di aromi... ma buono, eh?




Credo sia tutto! Buona serata a tutti e buon inizio settimana!

Commenti

  1. Caspita, Giulia, che meraviglia! La consistenza dell'impasto è perfetta. Mi fai pensare con la questione del lievito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Daniela é venuro bene! Ma davvero credo che una lievitazione più lunga aiuti i profumi. Trovo che l'altro che feci fosse molto più buono e profumato a paritá di qualitá di burro e uova

      Elimina
  2. quando le cose sono belle e buone non ci sono problemi di salute, sono quelle cattive che rovinano la salute :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno