Passa ai contenuti principali

Gugelhuupf di sua maestá 2



          Questa ricetta é giá presente su questo blog e la trovate qui. Quando lo feci la prima volta mi piacque moltissimo e pensai che fosse addirittura più buono di un pandoro buono ;) Lo rifeci, ma ancora non avevo provato la versione intera, quella con 12 ruorli! Ebbene si... ci saranno problemi di salute... :D




         Ma bando alle ciance ed eccovi la ricetta. Alla fine però scriverò delle annotazioni perché ho sbagliato una cosa

Gugelhupf di sua maestá 2
150 g di burro
12 tuorli
250 g di farina
25 g lievito di birra (le note alla fine riguarderanno proprio il lievito)
80/100 g zucchero
40/50 ml di latte
Buccia di arancia e di limone grattugiata



  • Sciogliere il lievito nel latte tiepido
  • Cominciare a montare il burro per bene e aggiungere un tuorlo
  • Aggiungere la farina mischiata con lo zucchero alternando ai tuorli. Continuare a montare.
  • Come potetevedere dalla foto sopra, a un certo punto l'impasto é come incordato



  • A questo punto ho cambiato le fruste con quelle a spirale
  • Ho aggiunto il latte col lievito e l'impasto é diventato più morbido, ma non ha perso la corda visto che é rimasto filante




  • Versare nello stampo (ho solo imburrato) e far lievitare. Ci ha messo circa 3 ore
  • Quando la pasta ha raggiunto il bordo infornare a 170° per circa 40 '. Io ho cotto a 150° perché il forno é ventilato



      Questo é il dolce cotto



     E qui é sformato. Cospargere abbondantemente di zucchero a velo!



     Questo dolce é squisito e molto bello a vedersi, però.....

NOTE: dovete assolutamente diminuire la quantitá di lievito!!! Infatti, per quanto sia venuto bello e buono, non ha eguagliato la bontá di quello fatto in precedenza dove lievitò per tutta una notte. Le lunghe lievitazioni favoriscono lo sprigionarsi dei profumi e in questo caso il dolce aveva qualcosa che non andava, minor sentore di burro e di aromi... ma buono, eh?




Credo sia tutto! Buona serata a tutti e buon inizio settimana!

Commenti

  1. Caspita, Giulia, che meraviglia! La consistenza dell'impasto è perfetta. Mi fai pensare con la questione del lievito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Daniela é venuro bene! Ma davvero credo che una lievitazione più lunga aiuti i profumi. Trovo che l'altro che feci fosse molto più buono e profumato a paritá di qualitá di burro e uova

      Elimina
  2. quando le cose sono belle e buone non ci sono problemi di salute, sono quelle cattive che rovinano la salute :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno

Torta di mele di Laura Ravaioli

Ho fatto questo dolce diverse volte, diversi anni fa. Il burro e le mele in perfetta armonia 💖💖💖 Siccome é un dolce che rimane umido e che io consiglio di mangiare tiepido, a questa tornata stavo pensando di farne un pudding, perciò lo vedete in una pirofila anziché in una tortiera. Ma avrei dovuto aggiungere più latte e ho dimenticato di farlo, perciò mi é rimasta una torta in pentola 😢😢 Voi invece, che siete piùintelligenti, fate la torta come ricetta comanda, cuocetela in una bella tortiera, sformatela e cospargetela di zucchero a velo 😀😀


Torta di mele e limone Ravaioli 700 g mele renette (io annurche) 125 g zucchero Succo e buccia di 1 limone Pulire e tagliare a fettine sottili le meleCospargerle di zucchero e succo di limone, e buccia, e far riposare almeno 2 ore Mescolare Altri 125 g di zucchero (io 2 cucchiai), 160 g di burro fuso, 2 uova, 250 g di farina e 1/2 bustina di lievitoAggiungere le mele col loro succo, mescolare e versare in uno stampo da 22 cm di diametroCuocer…

Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver

Ho già fatto questo pudding, con una ricetta di Stefano Arturi (la trovate qua) e mi era piaciuto moltissimo. Non lo avevo ancora rifatto, e stavo pensando seriamente di rimediare, quando in tv ho visto quel pacioccone di Jamie Oliver che preparava questa squisitezza di dolce con sua madre!! L'aspetto di questo dolce era molto diverso da quello già fatto e così ho deciso di cimentarmi. Che dire? Buonissimo, bello da presentare... da rifare assolutamente!





Sticky Toffee Pudding di Jamie Oliver 4 bustine di tè al bergamotto (Io non lo avevo e ho usato te normale e buccia d'arancia e/o limone) 300 ml di acqua Con questi 2 elementi preparare un tè e farlo intiepidireFrullare il tè con 450 g di datteri (pesati col nocciolo), spolverata di noce moscata e cannella. Tenere da parteMontare molto bene 170 g di burro con 170 g di zucchero grezzo di canna (quello scuro e morbido) e 170 g di zucchero di canna normale
Aggiungere, continuando a montare   4 uova 340 g di farina autoliev…

Carote arrosto di Yotam Ottolenghi

Oggi vi propongo un'altra ricetta di questo chef fantasioso 😀 Mi piace perché la sua è una rivisitazione moderna di ricette mediorientali e perché la sua cucina é prevalentemente vegetariana: anche quando cucina carne, le verdure sono molto presenti!
   Per queste catote arrosto ci vorrebbero carote di diversi colori. Io non ne avevo e ho usato solo le comuni arancioni. Vi avverto che hanno un gusto particolare, dolciastro, che potrebbe non piacere, come é successo con mio figlio, quindi fatele se conkscete bene i vostri commensali 😉


Carote arrosto di Ottolenghi. Io ho fatto mezza dose
Mi sono attenuta al testo di Patrizia, cambiandolo dove ho apportato modifiche. Lei è stat molto chiara e la ringrazio 💖 Qui il suo post con foto bellissime e vari passaggi
1 kg di carote di diverso genere, viola, arancio, possibilmente novelle (io ho usato solo le arancioni) 50 g di nocciole tostate e tritate grossolanamente
1 cucchiaio di semi di sesamo
1 cucchiaio di melassa di melograno (non sapr…