Passa ai contenuti principali

Hot Cross Buns al Cacao e Whiskey

        Nel precedente post vi ho scritto la ricetta degli hot cross buns classici, ora vi do anche questa versione al cacao, sempre proposta da Alessandra Gennaro sul numero pasquale di A Tavola del 2016 😍.




Hot Cross Buns al cacao e Whiskey di Alessandra Gennaro

Preparate un lievitino con 
50 ml di latte
20 g di lievito di birra
 1 cucchiaio di zucchero

Impasto
450 g di farina
 50 g di cacao
100 g di zucchero
  1 cucchiaino di zenzero in polvere
buccia grattugiata di un'arancia
150 ml di latte
il lievitino fatto prima

  • Impastare bene il tutto e far lievitare
  • Stendere l'impasto e aggiungere un pizzico di sale, 100 g di uvetta fatta rinvenire in precedenza, 100 g di arancia candita a cubetti
  • Arrotolare e fare 16 panini da 70 g circa. Far lievitare
  • Fare la croce sui panini aiutandosi con sac a poche. Per la glassa 75 ml di succo di arancia e 75 g di farina
  • Infornare a 180° per 15-18'
Pennellare con uno sciroppo così fatto
100 g di zucchero
 60 ml di acqua
  • Bollire finchè diventa uno sciroppo
  • Aggiungere 30 ml di whiskey e far evaporare per mezzo minuto





         Come potete vedere dalle foto non sono proprio belli 😒,ma buoni di certo!

Scrivo anche qui le note presenti nel precedente post

NOTE:
  1. io ho usato 5 grammi di lievito di birra, ma non ne vale la pena, basta dimezzare e tenere in frigo tutta la notte. Se usate solo 5 grammi come ho fatto io i tempi al mattino saranno troppo lunghi e non mi sembra il caso 😕. 
  2. Ho avuto problemi con i liquidi, ne ho dovuti aggiungere parecchi, per questo non ho riportato sopra le mie modifiche, perchè le percentuali sono giuste, poi dipende dagli ingredienti che avete in casa
  3. Stesso problema anche per la glassa con cui ho fatto la croce: la farina non si voleva ammorbidire!!! e ho aggiunto più acqua, poi era troppa, poi di nuovo densa...😖😖




Aggiungo anche un altro fatto. Questi panini sono speziati e pieni di uvetta e canditi. Li ho regalati in 3 diverse famiglie e non tutti li hanno graditi. Quindi fateli se conoscete i vostri polli 😈😈😈, nei giorni di festa non è il caso di rischiare 😜

Commenti

  1. a me piacciono e poi se sono buoni, te ne rubo uno volentieri :)
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno