Passa ai contenuti principali

Banana Bread

E' il dolce da colazione che di certo amo di più. Lo faccio spesso e mi piace sempre





Un paio di volte, molti anni fa, ho provato a fare e mangiare questo dolce tanto nominato...

Non mi è mai piaciuto! Sarà stato il gusto della banana cotta, la gnuccosità... be, insomma, scartato e mai più fatto!

Poi è capitato che mi sono ritrovata la casa piena di banane mature ma belle sode e volevo consumarle... ed è capitato anche che con Sale & Pepe sia stato pubblicato il libro di Laurel Evans Buon appetito America che volevo comprare già da molto tempo. Che fortuna!! Il libro e bellissimo e ci ho trovato la ricetta di una Banana Bread spettacolare!!!

Riporto la ricetta più o meno fedelmente



Banana Bread di Laurel Evans
250 gr farina
150 gr zucchero
  1 cucchiaino bicarbonato di sodio
 1/2 cucchiaino di sale
100 gr noci tostate a pezzetti (facoltative, ma fanno la differenza!)
Oppure 100 gr di cioccolato fondente a pezzetti
 1/2 cucchiaino cannella
 1/2 cucchiaino noce moscata
Mescolare questi primi 7 ingredienti e fate una bella fontana al centro
Aggiungeteci
3 o 4 banane mature (380 gr di polpa) ben schiacciate

Poi i liquidi mescolati
75 gr yogurt
 2 uova
85 gr burro fuso e non caldo
1/2 tazzina di caffè espresso
Mescolate per bene e avrete questo impasto


La cosa che mi ha colpito di questo dolce è il fatto che aveva, ancora da crudo, un profumo magnifico!!!
Mettere in uno stampo da plum cake e infornate a 190° per 55' circa. Ma, si sa, dovrete regolarci col vostro forno: Io ho cotto a 170° per 30' circa.
Mi è piaciuto molto, davvero da provare.
E poi è talmente profumato.....
Ottimo con del formaggio fresco spalmabile


Buona giornata!!!

Commenti

  1. Dal primo banana bread mi sono innamorata di questo dolce. E non può sfuggirmi questa versione ricca e speziata :) Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  2. mi rivedi ritornata a commentarti perchè io ti seguivo da quando avevi da oco aperto il blog... poi non ti ho più visto sulla mia bacheca e quando ho commentato su un blog di non mi ricordo chi, il commento prima del mio era il tuo e mi sono ricordata di te, così mi sono riiscritta

    RispondiElimina
  3. Non ho dubbi, è sicuramente buono, ci sono gli ingredienti giusti. Complimenti.

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Ciao giulia:) nn sapevo avessi un altro blog in precedenza! questo dolce da colazione è davvero ottimo, provato tanto tempo fa.. ne ricordo il sapore dolce e goloso che rilascia la banana... squisito! il tuo è venuto perfettamente! un bacione e buona giornata:*

    RispondiElimina
  5. Je ne fais pas de gâteaux aux bananes et je ne sais pas pourquoi. Il va falloir que je commence. Ton cake me semble délicieux.
    A bientôt

    RispondiElimina
  6. troppo buono Giulia!!! lo segno!!!! buona serata!

    RispondiElimina
  7. L'ho fatto anche io e me ne sono innamorata. Assolutamente fantastico!

    RispondiElimina
  8. Lo ricordo :)
    Profumatissima ed invitante versione, bravissima Giulia!!!
    Un bacione grande!!!!

    RispondiElimina
  9. Mi fa molta moltissima gola. La farò per domani, visto che la mia piccina ha le amichette in casa per il thè delle 17. Le buone abitudini si imparano da piccole :D (20 mesi forse troppo piccola)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno