Passa ai contenuti principali

Fagioli con i cavatelli




In questo post vi avevo parlato del grano Senatore Cappelli che, ovviamente, è stato molito e se ne è ricavata un'ottima semola. Siccome qui siamo in Puglia, non c'è migliore utilizzo per il grano duro, di qualsiasi tipo, che trasformarlo in orecchiette o cavatelli.
        A dire il vero, la semola è più adatta per il pane e la farina (a grana più grossa) per la pasta... ma sono dettagli :))







Per i cavatelli
Disporre la farina a fontana sulla spianatoia, fare la fontana e aggiungere l'acqua necessari (tiepida, ma anche fredda). Impastare, far riposare un poco sotto un panno, prendere dei pezzi di pasta da cui ricaverete i soliti bastoncini. Ora trasformateli in quadratini e incavate :)



 

Nel frattempo avrete cotto dei fagioli, messi a bagno dalla sera prima, con olio, aglio, alloro, poca salsa o pomodorini, sale.
Cuocete i cavatelli in abbondante acqua salata, quando verranno a galla scolateli e tuffateli nei fagioli.
Un bollo e ... a tavola!!!!



Buon appetito

Commenti

  1. piatto semplice ma di una bontà unica :)))

    RispondiElimina
  2. La tua zuppa non la baratterei con il piatto più blasonato al mondo per nessuna ragione :) La semola senatore Cappelli l'ho comprata una sola volta e ora che il pacco è finito devo fare rifornimento. La dofferenza con la comune semola del super c'è e si sente. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Giulia mia hai fatto venir voglia di una bella pasta e fagioli come cremosa come la facciamo noi del sud.....
    fra

    RispondiElimina
  4. che brava..i covatelli fatti a mano :)! bravissima!
    Io li vedo bene cn un ragu ma anche cosi sembrano ottimi :))!

    Buona serata Giulia :)!
    Sara

    RispondiElimina
  5. Una bella accoppiata fagioli e cavatelli! Li adoro... :-)

    RispondiElimina
  6. Semplice... se lo si sa fare... anni fa decisi di fare un'esperienza di lavoro in un grande e buono ristorante italiano a Londra, Zafferano (di Giorgio Locatelli). Oltre a dover lavare e asciugare non so quante casse di insalata, mi misero.. a fare le orecchiette, sotto l'occhio vigile di un cuoco abile... che dire.... mi sono rovinato le dita, i diti e pure gli ditaditi ... il pollicione era infuocato a furia di spingere sul tavolo. eppure sembrava così semplice.
    una parte di me vorrebbe provare questo tuo piatto giulia, ma altra parte memore di mia imbranataggine quanto a pasta fatta a mano.... mah... ci devo pernsare. cmq, sia questo piatto, sia le foto del campo di grano, senza papere, sono "solari" e mettono allegria. ciao. stefano

    RispondiElimina
  7. Troppo gentili tutte, davvero grazie :))

    Stefano, i cavatelli non sono difficili come le orecchiette e poi le dita ce le hai già rovinate, tanto vale che un piatto per te lo provi ;)))

    RispondiElimina
  8. Buonissima, sarà cremosa e molto gustosa, se ti fosse rimasto anche un solo cucchiaio verrei oggi a pranzo a casa tua!!!!

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che delizia, non ho mai provato a fare i cavatelli, è una pasta che mi piace molto, devo provarla! Bravissima

    RispondiElimina
  10. ciao Giulia, grazie per la visita!! sai che i cavatelli non li ho mai provati? o forse si..?? ero a napoli e credo di aver sentito dire cavatelli, peccato che mi hanno fatto provare così tante cose che non ricordo più :-)
    piacere di conoscerti!
    vaty

    RispondiElimina
  11. Ciao Giulia grazie di essere passata a farmi visita, ti seguo volentieri anch'io e mi consolo perché non sono l'unica a non capirci niente su google +.....bravissima i tuoi caratelli sono bellissimi!

    RispondiElimina
  12. Ho appena visto che ne parlavi su facebook e mi sono fiondata! Chissà che buoni!!! Mi fanno una gola :-) Bacioni cara!!

    RispondiElimina
  13. Che piatto cara Giulia!!! Meraviglioso e preparato con ingredienti di qualità!!!
    Sempre bravissima!!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao Giulia, grazie per essere passata da me! Ricambio anch'io con molto piacere, è sempre bello conoscere persone nuove, c'è sempre da imparare. A presto!

    RispondiElimina
  15. è un ottimo abbinamento legumi e pasta rende un piatto completo

    RispondiElimina
  16. giulia sei stata bravissima! questi cavatelli sono perfetti e realizzati con grande maestria! ti faccio i miei complimenti:*

    RispondiElimina
  17. Io ho imparato da pochi giorni a farli..da' un gusto mangiare la pasta fatta con le proprie manine!!! :)
    Poi con i fagioli...quanto mi piace!!!!! :) Bravissima!!! :)

    RispondiElimina
  18. Mio figlio impazzirebbe per un piatto così...Bravissima Giulietta!

    RispondiElimina
  19. Giulia che acquolina... mi hai ricordato che è troppo, troppissimo tempo che non faccio pasta e fagioli! Non so se sarei capace di fare i cavatelli, di solito faccio i maltagliati... ma di certo concordo con Fede, questo piatto non lo baratterei con nessun altro a mondo! La "cremina" che si forma quando si fa la pasta in casa coi fagioli è a mio avviso di un goloso insuperabile! Sempre brava Giulia! Ti abbraccio!

    P.S. Aspetto sempre la ricetta del pancarrè variegato del vecchio blog, per linkarti a dovere nel mio post... appena lo ripubblichi, fammi un fischio! Bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Veneziana?

Ho trovato questa bella ricetta su you tube e ho voluto subito provarla! Fatta circa 2 settimane fa, molto buona, più facile di altri grandi lievitati che hanno un impasto poco gestibile. Ho apportato delle piccole varianti, usando miele al posto dello zucchero e lievito madre, ma resta molto simile all'originale di cui aggiungerò il link a fine post. ora, la mia versione ;)




Veneziana La sera 1°impasto 220 g farina forte (io farina 0)  60 g miele  50 ml acqua  3 tuorli 150 g lievito liquido  60 g burro É un impast semplice, unica accortezza, aggiungere il burro alla fineSe usate pasta madre solida aumentate l'acqua a 90, 100 mlAl posto del lievito madre potete usare una biga fatta nel pomeriggio con lievito di birra

La Colomba mono impasto di Paoletta

Breve post oggi, solo qualche foto, per farvi vedere questa Colomba preparata l'anno scorso.



      La ricetta è di Paoletta diAnice e Cannella, ma non la trovate sul suo blog




      Questa ricetta è infatti stata pubblicata sul gruppo facebook di Paoletta l'anno scorso e ha avuto un grande successo, così come il panettonemono impasto