Passa ai contenuti principali

Marmellata di arance


Non c'è che dire, la marmellata di arance è di certo la mia preferita!!!

Forse, a pari merito, ci metterei la confettura di Cotogne e la gelatina, sempre di cotogne!!!
Ma la marmellata di arance è meravigliosa e poi... ha questo colore solare!!!!!

        Preparatela con le arance intere e non vene pentirete!




Marmellata di arance

  • Prendete delle arance biologiche, pesatele e bucherellatele ben bene con uno stuzzicadenti
  • Mettetele, sempre intere, in acqua per 2 giorni circa
  • Affettate sottilmente le arance e mettetele in pentola con la metà del loro peso in zucchero (io ho usato zucchero di canna) e copritele con acqua (ma non troppa)




  • Portate a bollore il tutto è spegnete
  • Dopo mezza giornata o un giorno intero cuocete per bene. La cottura, dal momento del bollore, durerà una mezz'oretta o poco più.
  • Invasate ancora bollente, capovolgete i vasetti e conservate
Nota: L'operazione di riposo della marmellata, prima della cottura vera e propria, serve a far impregnare di più lo zucchero nella frutta, i sapori si amalgamano meglio... ma non è fondamentale ;)



Eccola servita con una bella fetta di Pan Brioche!

Commenti

  1. Ottima, sana e genuina. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Buonissima, anche nelle crostate o per accompagnare un'ottima ricotta.
    Io sono fortunata, mia madre e ne prepara sempre una vagonata.
    Bel colore la tua!

    RispondiElimina
  3. what nice and beautiful and yummy jam!!

    RispondiElimina
  4. mi sembra ottima. hai ragione, il colore è meraviglioso.

    irene

    RispondiElimina
  5. è una delle mie preferite in assoluto!

    RispondiElimina
  6. ottima anche per fare i dolci, perfetta!!!!!

    RispondiElimina
  7. è una delle mie preferite!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Ciao Giulia, ma lo sai che in questi giorni volevoubblicare anch'io la marmellata di arance? I l'adoro! Quando puoi passa a trovarti, in fondo alla mia ultima ricetta c'è un premio per te, spero che sia gradito! Una abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Mi piace moltissimo la marmellata di arance, proprio tanto! Le poche volte che l'ho preparata io , non so cosa ho sbagliato , ha preso un sapore che non mi piaceva per niente, proverò con la tua ricetta, il procedimento mi è del tutto nuovo, magari è quella giusta!:)

    RispondiElimina
  10. Complimenti,anch'io adoro la confettura di arance...la tua ha un aspetto delizioso!
    A presto!

    RispondiElimina
  11. Squisitezza.la mia marmellata preferita,soprattutto se fatta con le arance amare.
    La uso per svariate cosine...
    Buon weekend!

    RispondiElimina
  12. Giulia, ultimamente cercavo proprio una ricetta di marmellata di arance et coilà, me l'hai scodellata per bene.
    Te la copio grazie.
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  13. Adoro tutto cio' che è self-made, soprattutto le marmellate :)

    RispondiElimina
  14. Ciao, Giulia.Anche il tuo procedimento è molto interessante e concordo che la marmellata di arance, se fatta a regola d'arte, sia la migliore in assoluto. Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno