Passa ai contenuti principali

Pigna di Pasqua



La ricetta viene da qui, quindi fonte più che affidabile : )

E' una preparazione che ormai faccio da diversi anni e non mi ha mai delusa. L'ho fatta qualche tempo fa, ma era ancora periodo di carnevale e non mi sembrava il caso di pubblicarla..
 

PIGNA DI PASQUA (di Bruna N1) per 2 stampi da 1 kg
1 kg di farina di forza
300 gr. lievito di pane o lievito madre o pasta di riporto
150 gr.patate lessate e passate
400 zucchero
10/12 uova (dipende dalla grandezza)
150.gr.strutto morbido (io metto 1/2 burro e 1/2 strutto)
1 pz.sale
la buccia di 2 limoni grattugiati
aroma o liquore all'Anice
Mettere farina, zucchero, aromi, sale e patate nell'impastatrice e al centro una buona parte delle  uova. Cominciare ad impastare e aggiungere poco alla volta le uova necessarie. Incordare e alla fine il burro. Completare l'opera di impastamento con le nostre manine sante ;)))

Come potete vedere dalle foto l'impasto è piuttosto morbido; Quindi ho fatto delle pieghe, arrotolato il tutto e messo a lievitare.









Far lievitare tutta la notte e, al mattino, dividere in 2 l'impasto, arrotolare le pagnotte e metterle negli stampi. Far lievitare nuovamente finchè l'impasto non raggiunge i bordi dello stampo (ci vorranno parecchie ore) e infornare a 180° per almeno 30' (Ma la cottura, lo sapete, dipende dal forno)
Aspettare qualche ora prima di affettare, magari lo fate il mattino seguente..



Buona Domenica!!!!!

Questa ricetta andrà ad arricchire la raccolta di Dana



Commenti

  1. Mamma mia che bontà!!!! Ottima per il periodo pasquale!!!! Buona domenica

    RispondiElimina
  2. Ma questa è perfetta per il mio contest, dai, partecipa!
    E comunque grazie per la ricetta, quest'anno vorrei farla.
    Ti abbraccio, buona domenica!

    RispondiElimina
  3. mi dispiace sempre di più di non avere il lievito madre!! da noi questo tipo di dolce pasquale si chiama Pizza di Terni, mi sembra praticamente uguale, quanto mi piacerebbe farla :)

    RispondiElimina
  4. me la segno, mi sembra ottima Giulia ! Buona settimana, un bacione...

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia e come sembra facile farla ......
    Prima o poi la proverò :)

    RispondiElimina
  6. Non cono scevo questa pigna che bella soffice,,,,,
    Appena esco dal caos in cui sono la provo
    fra

    RispondiElimina
  7. Grazie Giulia per questa bella ricetta Pasquale, che non conoscevo!!!!

    RispondiElimina
  8. certo che non ti manca la voglia di fare in cucina, ci vuole un grande impegno e una buona manualità complimenti

    RispondiElimina
  9. Ciao Giulia! è la prima volta che visito il tuo bellissimo blog e volevo dirti che non ho mai visto pigna più bella della tua: ASSOLUTAMENTE FANTASICA!!! volevo domandarti due cose 1) quanti ml di liquore mi consigli di aggiungere?e poi 2) se volessi fare metà dose che grandezza dovrebbe avere lo stampo?
    Ti ringrazio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao isabella! Sai che quando ho provato a mettere liquore all'anice, sambuca, ho avuto problemi con la lievitazione? Se vuoi provare mettine un po' e magari mi fai sapere tu :))))

      Con metá dose uso uno stampo da kg, spero di esserti stata utile e grazie per i complimenti, ma non esagerare :))

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta cara Giulia! :) ecco, infatti per questo motivo ti ho chiesto del liquore, l'avevo pensato...quindi ora tocca solo a me decidere se rischiare o meno ;) allora uno stampo da 1/2 kg, spero di aver capito bene e che mi riesca come la tua, che è magnifica...e senza esagerare!!! ♥♥♥
      Grazie ancora e Buona Pasqua :D

      Elimina
    3. Isabella, ho detto con metà dose ci va uno stampo da 1 kg. Per regolarti, anche con altre ricette, basta che misuri il peso degli ingredienti

      Elimina
    4. Oops, scusa Giulia...io non vedo l'1 davanti a kg :P
      Cmq grazie x la pazienza ed i consigli, e scusami ancora, non sono molto ferrata nei lievitati, per questo chiedevo :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno