Passa ai contenuti principali

Mele cotogne sciroppate

       Avrei voluto inserire questa ricetta nel post generale sulla frutta sciroppata, ma la mela cotogna è un frutto particolare e richiede un trattamento diverso. Di solito con questo frutto ci preparo marmellata o gelatina, o le cuocio semplicemente al forno con dello zucchero, ma l'anno scorso ne avevo troppe e così ho preferito provare a sciropparle. Eccole a voi






Mele Cotogne Sciroppate
  • Preparate uno sciroppo con 500 ml di acqua e 250/300 g di zucchero
  • Mentre é in ebolizione tuffateci le mele cotogne pelate e spezzettate
  • Fate cuocere almeno 10'
  • Invasate e conservate
Non ricordo se ho sterilizzato i barattoli, ma credo di no, visto che ho invasato la frutta con lo sciroppo bollente.

Quando le ho assagiate, dopo vari mesi, erano ancora croccanti, quindi, se le si preferisce più morbide, é necessario che cuociano un bel po'. A me non é dispiaciuta la loro croccantezza, anzi, in questo modo ritengo di poterle urilizzare in maniera più varia ;))

     Buona giornata!

Commenti

  1. Buonissime, Giulia!!!! Io le ho ricevute da mia cognata! Sono una delizia, e...una scorta per l'inverno! Brava!
    Un bacio, Rosa

    RispondiElimina
  2. La marmellata o gelatina di mele cotogne andava molto di moda negli anni Settanta, veniva confezionata in quadrati e mangiata anche da sola. All'epoca non mi piaceva molto, aveva un gusto asprigno che ho rivalutato anni dopo. Queste mele sciroppate invece non le ho mai assaggiate, mi segno la ricetta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Pan Brioche di Laura Ravaioli

Questa magnifica ricetta è stata divulgata tanti anni fa dalla Ravaioli sul Gambero Rosso e, devo dire, resta sempre la migliore (a mio parere) per gusto e sofficità!! Per non parlare della facilità di esecuzione...




Il testo che segue è quello che pubblicò Paola Balestrini tanti anni fa su Coquinaria..
      Poi scrivo come procedo io ;))

Pan Brioche di Laura Ravaioli
400gr. di farina 00
100gr. di farina Manitoba
5 uova
60gr. di zucchero
10gr. di sale
20gr. di lievito di birra
25gr. di acqua
250gr. di burro ammorbidito

Sciogliere il lievito con l'acqua tiepida e poi aggiungerlo alle due farine setacciate con il sale e lo zucchero,poi aggiungere le uova e per ultimo un po' per volta il burro tagliato a pezzetti.E' meglio lavorare con un'impastatrice perché l'impasto che ne risulterà è abbastanza appiccicoso e non lavorabile con le mani,ma non preoccupatevi deve essere così. A questo punto lo prendete e lo mettete in una ciotola abbastanza capiente e poi lo coprite con la pel…

Un pane semplice per chi comincia col lievito madre

Come vi ho già detto in questo post, ho deciso di parlare di lievito madre e di come cominciare ad usarlo, perchè mi è stato gentilmente chiesto. Non sono un'esperta, ma lo uso, quindi continuo a dare qualche indicazione su come procedo con le ricette che eseguo io

Intanto comincio col far notare una cosa: molto spesso leggo di gente che dice che nel loro pane c'è un sentore di acidità. Questo può dipendere da molti fattori tecnici (dal LM un po' passato, a una cattiva lievitazione, etc...) che sarebbe complicato stare a spiegare :). In questa sede posso solo dirvi come ho risolto io.
         Quando parlo con mia madre e le chiedo come facevano il pane, lei mi dice che procedevano così: Conservavano circa 150 gr di pasta dopo aver impastato e la tenevano in un mobile. - Mi hanno fatto notare che in questo passaggio sembra che si parli di pasta di riporto. Non è così, tanti anni fa si panificava col lievito madre -

Riso, Carciofi e Patate al forno

Oggi vi presento uno dei piatti tipici della cucina pugliese, una variante, se vogliamo, della Tiella di riso patate e cozze. La foto che vedete vi mostra un residuo di questa preparazione così come si presenta nel piatto!

Riso patate e carciofi al Forno